Aperto il nuovo cavalcavia del nodo di Palmanova in A4

Alla riapertura dopo i lavori notturni, poco prima delle 8 del mattino del 2 giugno, i primi veicoli sono transitati sul nuovo cavalcavia di Palmanova, principale opera del primo sub lotto (Gonars – Nodo A23/A4) del quarto lotto (Gonars – Villesse) della terza corsia dell’autostrada A4.

L’imponente struttura – 120 metri di lunghezza e 530 tonnellate di peso – era stata varata lo scorso settembre con la particolare tecnica a spinta in soli quattro giorni e a traffico aperto.

Il nuovo cavalcavia è stato costruito per far fluire il traffico che da Trieste è diretto a Venezia. Nella mattina del 2 giugno è stato aperto a metà, ovvero a una carreggiata più la corsia di emergenza.

Verrà utilizzato nella sua interezza quando l’allargamento della terza corsia sarà completato anche nei tratti dei lotti dell’autostrada A4 contigui al viadotto.

Nel frattempo il vecchio ponte verrà chiuso in attesa di essere demolito nei prossimi giorni. Oltre cento sono state le persone (venti circa sul cavalcavia) che hanno lavorato nella notte tra sabato 1 e domenica 2 giugno per mettere in atto una serie di interventi sul terzo e sul quarto lotto durante la chiusura di 12 ore dell’autostrada.

Nel quarto lotto sono state completate le nuove piste di entrata e di uscita di collegamento tra l’autostrada A4 e l’area di servizio di Gonars Sud (direzione Trieste).

Nel terzo lotto (Alvisopoli – Gonars), invece, è stata gettata la soletta dell’impalcato che costituisce il nuovo cavalcavia “di Valderie” (comune di Palazzolo dello Stella).

La struttura, che misura 91,80 metri di lunghezza, larga 5,00 metri del peso di 230 tonnellate, verrà aperta al traffico a luglio.

È stato effettuato anche un altro spostamento del traffico su un nuovo tratto di terza corsia lungo circa tre chilometri tra i comuni di Castions di Strada e Porpetto in entrambe le direzioni.

È stato infine montato un pannello a messaggio variabile su una struttura metallica all’altezza di Palazzolo dello Stella.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi