Teneva un arsenale di armi da guerra a casa della mamma e della nonna

Gorizia – I Carabinieri del Nucleo investigativo del Comando provinciale di Gorizia hanno scoperto un arsenale di armi da guerra in due abitazioni del capoluogo isontino.

Le armi sono di proprietà di un uomo di 29 anni, di Gorizia, che era già agli arresti domiciliari dal settembre scorso, quando era stato sorpreso con centodieci banconote false da 50 euro e una quantità cospicua di sostanze stupefacenti.

I Carabinieri hanno trovato e sequestrato un lanciarazzi di fabbricazione jugoslava, due bombe a mano, alcuni proiettili di artiglieria, un machete e quattro casse per il trasporto dei lanciarazzi.

Le armi erano nascoste nelle abitazioni della mamma e della nonna dell’uomo, ignare però di celare nelle proprie case materiale bellico.

I militari dell’Arma sono risaliti all’arsenale approfondendo le indagini dopo aver scoperto le banconote false. Nel corso delle indagini hanno analizzato il contenuto dei computer e i telefoni cellulari utilizzati dall’indagato e sono riusciti a risalire al materiale bellico.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi