Controlli nei parchi a Pordenone, scovato il pregiudicato che aveva malmenato un disabile

Pordenone – La Questura di Pordenone ha concluso nella serata di mercoledì 17 luglio una speciale attività di controllo nei parchi cittadini, operazione svolta con le pattuglie dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico “Squadra Volante”, unità della Squadra Mobile, dell’Ufficio Immigrazione della Questura, equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine ” Veneto” di Padova, l’unità specializzata cinofila della Polizia di Stato proveniente dalla Questura di Padova, gli operatori del Gabinetto Provinciale della Polizia Scientifica ed unità operative della Polizia Locale di Pordenone.

L’attività si inserisce in una generale intensificazione dei dispositivi di sicurezza e vigilanza sul territorio per ottimizzare una migliore e serena vivibilità dei parchi da parte di cittadini e famiglie, stanti anche recenti segnalazioni di comportamenti indecorosi da parte di alcuni frequentatori, a seguito dei quali, con il coordinamento del Prefetto di Pordenone, è stato dato maggior impulso alle attività di controllo, con il coinvolgimento a vario titolo di tutte le Forze di Polizia.

All’interno del parco Galvani sono così state identificate 12 persone che stazionavano in prossimità dell’angolo tra via Vallona e via del Maglio. Nei confronti di una ragazza, residente in provincia di Pordenone, è stato avviato il procedimento di applicazione del “Foglio di via obbligatorio”, mentre a carico di  un 25enne cittadino lituano, gravato da precedenti per reati contro la persona ed il patrimonio, il Questore, sussistendone i presupposti, ha fatto avviare dall’Ufficio Immigrazione il procedimento di revoca del permesso di  soggiorno.

Tra le persone controllate è stato rintracciato ed accompagnato in Questura il cittadino albanese 27enne G.A. nei confronti del quale era stato revocato il permesso di soggiorno dopo essersi reso responsabile della grave aggressione nei confronti di un disabile.

In quell’occasione, era il pomeriggio del 6 aprile scorso, l’uomo, pregiudicato, uscito dal bar ai Tigli già in evidente stato di alterazione alcolica, impugnando una bottiglia di birra, alla vista di un disabile in carrozzella, immotivatamente lo aveva gettato per terra ribaltandogli il mezzo e provocandogli alcune escoriazioni.

Nel contempo un cittadino, accorso in aiuto del disabile, veniva malmenato sempre dal giovane albanese che si era poi dato alla fuga.

Attivate immediate ricerche l’autore dell’aggressione era stato rintracciato e denunciato in stato di libertà in ordine ai reati di lesioni aggravate e minacce.

A carico del cittadino albanese veniva quindi immediatamente avviata e notificata la procedura di revoca del permesso di soggiorno per la successiva espulsione dal territorio nazionale.

Nei confronti di G.A. nella serata di ieri è stata notificata la revoca del permesso di soggiorno e disposto il provvedimento di allontanamento dall’Italia. Nel pomeriggio del 18 luglio il personale dell’Ufficio Immigrazione della  Questura di Pordenone accompagnerà  all’aeroporto  Marco Polo di Venezia Tessera il 27enne albanese che sarà così imbarcato su di un aereo per Tirana e rimpatriato.

La Polizia Locale nel corso delle attività ha provveduto inoltre a munire di “ordine di allontanamento” tre cittadini italiani facenti parte del gruppo, provvedimenti che, se violati, comporteranno l’applicazione del “Daspo Urbano”.

I servizi sono proseguiti nel corso della serata con controlli nelle altre aree verdi della città ed in alcuni locali pubblici.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi