Il trentennale del Teatro Miela si celebra anche con una rassegna per l’infanzia

Trieste – Nell’anno del trentennale il Teatro Miela presenta la rassegna Miela Bimbi per bambini dai 3 ai 11 anni.

Perché il teatro per i bambini? Perché fa vivere e rivivere sogni, emozioni, incantando e coinvolgendo in prima persona. Perché tiene vive mente e fantasia. Perché sul palco non tutto è detto, rappresentato, mostrato. Molto viene costantemente arricchito dall’immaginazione dello spettatore. La passività, in teatro, non trova spazio. E questo è il massimo punto d’incontro fra questa forma d’arte, e, perché no, anche d’intrattenimento, ed il mondo dell’infanzia. Perché nessuno, come i bambini, sa prendere sul serio il gioco. E sa vivere il presente nella sua pienezza.
Perché le famiglie a teatro? Perché i grandi, dai bambini, hanno tanto da imparare. Anche come si guarda una fiaba o come si ascolta un’emozione. Come si piange e come si ride. Come si ama. Come si vive.

Questa rassegna vuole puntare sullo scambio, l’incontro, la convivialità. Invitare a teatro le famiglie, anche nel senso più ampio: non solo genitori e figli, ma anche nonni, zii, amici. Condividere la visione di uno spettacolo, condividere un’esperienza, per poi poterne parlare, rielaborare, scoprire i diversi punti di vista. Confrontarsi. Venire a vedere uno spettacolo e spesso esserne partecipi, parte integrante del gioco scenico.

Bonawentura/Teatro Miela con La luna al guinzaglio propongono la domenica mattina alle 10.30 da febbraio ad aprile, il teatro con la #mielamerenda che vuole essere un ulteriore mento di aggregazione, per conoscersi, incontrarsi, per sentirsi più a casa.

S’inizia con Cla Clap,domenica 2 febbraio ore 10.30,spettacolo di mimo, teatro di figura e body percussioni scritto e interpretato da Anselmo Luisi e Giulio Settimo. Produzione La Luna al Guinzaglio e Bonawentura.

“Clap clap” è il suono di due mani, due mani che giocano, due mani che si danno il cinque, due mani che applaudono alla fine di uno spettacolo. Ma “clap clap” può anche essere l’inizio di una scoperta musicale, due mani che scoprono che anche con il corpo si può produrre ritmo e fare musica.

Programma completo al sito www.teatromiela.it

Print Friendly, PDF & Email

Condividi