Incendio di vaste dimensioni nel deposito di stoccaggio rifiuti della Snua di Aviano. Video

Pordenone – Un incendio di vaste proporzioni si è sviluppato all’alba di sabato 12 ottobre ad Aviano e ha interessato 3 mila quintali di materiale non riciclabile, accatastato in un capannone di stoccaggio nell’impianto di compostaggio della ditta “Snua Srl”.

Le scuole sono state chiuse con un invito alla cittadinanza a tenere chiuse anche le finestre delle abitazioni nella vicina Roveredo, invasa dal fumo acre e nauseabondo: è stata questa la decisione del sindaco.

Sul posto sono intervenuti, con due squadre dei vigili del fuoco che hanno circoscritto e spento le fiamme, i Carabinieri e i sindaci dei comuni di Aviano e Roveredo in Piano.

I rilievi dell’Arpa sono confortanti

Già dalle 6 del mattino l’Arpa è presente sul posto con una squadra in pronta disponibilità per effettuare tutti i rilievi necessari.

L’incendio è attualmente sotto controllo e sono in corso le operazione di smassamento; le acque di spegnimento sono convogliate nelle vasche di raccolta aziendali.

Arpa ha effettuato dei campionamenti di aria ed è stato attivato un contaparticelle al fine di valutare l’effettiva entità delle ricadute sia in termini di particolato grossolano che fino. È stata effettuata una simulazione speditiva sulle ricadute dell’incendio e sono state individuate le aree maggiormente esposte. Attualmente la nuvola di fumo si sta dirigendo in direzione sud-ovest

Le prime misure effettuate da Arpa FVG con i contaparticelle nelle aree interessate dall’incendio della SNUA di Aviano sono confortanti e al di sotto della metà dei valori limiti sperimentali; il PM10 è inferiore alla metà del limite giornaliero ed è in linea con i valori di fondo della zona.

Dal punto di vista ambientale la situazione appare sotto controllo con ricadute di inquinanti al suolo contenute.

Indagini sono in corso da parte dei vigili del fuoco e dei carabinieri per individuare le cause del rogo.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi