La Guardia di Finanza dona alla Caritas Trieste 2000 litri di olio extravergine sequestrato a una ditta

Trieste – La Tenenza della Guardia di Finanza di Muggia ha donato 2000 litri di olio extravergine d’oliva alla Caritas Diocesana di Trieste.

Il prodotto alimentare – peraltro di ottima qualità – era stato sottoposto a sequestro amministrativo da parte dei finanzieri muggesani nei confronti di un produttore locale.

Le stesse Fiamme Gialle, per evitare un dannoso spreco e compiere un’opera di beneficenza, si sono attivate per ottenere dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali l’autorizzazione a donare il prezioso alimento, che altrimenti sarebbe andato distrutto.

Il prodotto, di eccellente qualità, sul mercato alimentare ha un valore pari ad oltre 35.000 Euro.

Il sequestro era stato eseguito in quanto erano state commesse molteplici violazioni agli obblighi di indicazione di origine, classificazione, etichettatura, tracciabilità, stoccaggio e registrazione sul “Sistema Informatico Agricolo Nazionale (S.I.A.N.) – portale olio di oliva”, dove devono essere registrate tutte le movimentazioni di olive e olio, compresi i carichi di magazzino di prodotto proprio, gli acquisti presso terzi e le cessioni a mezzo fattura o per corrispettivo.

Nel settore olivicolo tali condotte irregolari portano al divieto di commercializzazione del prodotto, in quanto la filiera di produzione deve essere totalmente tracciabile.

Grazie alla sensibilità delle Fiamme Gialle ed alla particolare disponibilità del Ministero, il prodotto, dopo aver superato i previsti test di idoneità, è stato destinato alla Caritas.

Infatti il Ministero ha concesso in tempi brevi il nulla osta, con l’impegno per la Onlus beneficiaria, la Fondazione Diocesana Caritas di Trieste, di provvedere all’imbottigliamento, all’etichettatura ed al ritiro dell’olio sequestrato.

I 2.000 litri di olio, opportunamente regolarizzato, hanno già trovato immediata assegnazione all’Ente benefico a conforto di coloro che, sempre più numerosi, versano in una grave situazione di disagio economico e sociale.

Un disagio che la Caritas registra quotidianamente nei vari Centri di accoglienza e di assistenza collocati sul territorio: soltanto presso il refettorio di via dell’Istria vengono distribuiti quotidianamente oltre 180 pasti caldi.

I responsabili della Caritas hanno espresso il proprio sentito ringraziamento, evidenziando come i rapporti con le Forze dell’Ordine e nello specifico con la Guardia di Finanza siano sempre più stretti nel segno della concreta solidarietà a favore delle classi sociali più bisognose.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi