Meeting di pace degli studenti e dei docenti del FVG sulle trincee della Grande Guerra

Trieste – Si è svolta il 14 marzo a Trieste la Conferenza stampa di presentazione del Meeting di pace sulle trincee della Grande Guerra, che avrà luogo venerdì 16 marzo 2018.

Alla Conferenza sono intervenuti l’Assessora regionale all’istruzione Loredana Panariti, il Coordinatore del Meeting Flavio Lotti e l’Assessora alla cultura del Comune di Sagrato d’Isonzo Chiara Aglialoro che hanno illustrato il programma, gli obiettivi e i protagonisti della manifestazione.

“Il Meeting ha ricevuto la Medaglia del Presidente della Repubblica per il suo alto valore culturale” ha annunciato l’Assessora Panariti, che ha sottolineato come questo meeting sia il frutto di quattro anni di lavoro e della collaborazione di 113 scuole e 590 insegnanti.

“Quattro anni fa abbiamo pensato che il centenario della Grande Guerra dovesse essere l’occasione per investire sulle nostre scuole, sugli  insegnanti e sull’educazione dei nostri ragazzi alla pace. Oggi tocchiamo con mano gli straordinari risultati di questo lavoro che deve assolutamente proseguire con la collaborazione di tutti”.

“A 7 anni dallo scoppio della guerra in Siria, ha sottolineato Flavio Lotti, oltre 1000 studenti e insegnanti lanceranno un forte appello contro tutte le stragi e le violenze che continuano a devastare la vita in tante parti del mondo. Il loro esempio e il loro monito non deve lasciarci indifferenti. Non basta dire basta, le guerre vanno fermate!”.

“Il valore di questa testimonianza – ha ribadito Chiara Aglialoro – ci incoraggia a proseguire il nostro impegno di amministratori locali a fianco delle scuole e delle famiglie. Siamo lieti che questo avvenimento si svolga nel nostro Comune dove la guerra ha lasciato segni indelebili. Da qui deve partire un rinnovato impegno comune per la pace”.

Dunque a 100 anni dalla fine della prima guerra mondiale, nel 70° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, nel 70° anniversario della Costituzione della Repubblica Italiana e a 7 anni dallo scoppio della guerra in Siria, le scuole del Friuli Venezia Giulia realizzano il “Meeting di pace” sulle trincee della Grande Guerra.

Le zone prescelte sono il Monte Brestovec (Savogna d’Isonzo, GO) e il Monte San Michele (Sagrado d’Isonzo, GO)

Venerdì 16 marzo mille studenti e insegnanti del Friuli Venezia Giulia s’incontreranno nelle trincee del Carso goriziano per dare vita ad una grande manifestazione di pace contro le guerre, la violenza e l’indifferenza.

Insieme a loro ci saranno i testimoni di alcune delle stragi dei nostri giorni: le guerre ma anche gli incidenti e le morti sul lavoro, la violenza sulle donne, le violenze sui migranti.

Gli studenti saranno accompagnati dagli insegnanti che sono impegnati nella realizzazione di programmi di educazione alla pace e alla cittadinanza democratica, dall’assessorato regionale all’istruzione, da sindaci e autorità locali e da rappresentanti di diverse organizzazioni della società civile.

Il Meeting di pace nelle Trincee della Grande Guerra si svolge nel 70° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani e della Costituzione della Repubblica Italiana, due bussole di straordinaria importanza che dobbiamo riprendere in mano per cercare insieme la via di uscita dalla grave crisi che stiamo vivendo.

Spesso la cronaca mette in luce gravi episodi di violenza che coinvolgono la scuola, gli studenti e gli insegnanti. Il prossimo 16 marzo, la scuola sarà protagonista di un evento di segno opposto che propone alla società un impegno comune contro tutte le forme di violenza per fare della pace una realtà concreta e quotidiana d’impegno personale.

Il Meeting di pace nelle Trincee della Grande Guerra è parte integrante di un Programma pluriennale di educazione alla pace e alla cittadinanza chiamato “Dalla Grande Guerra alla Grande Pace” che è stato realizzato nel Friuli Venezia Giulia a partire dal 2014.

Il Programma ha coinvolto 590 docenti di 113 scuole di tutta la Regione nella realizzazione di tantissimi programmi, progetti, eventi, corsi di formazione, seminari di studio, lezioni, laboratori, meeting, marce per la pace, manifestazioni pubbliche.

I partecipanti al Meeting saranno accolti da:

Loredana Panariti, Assessore all’Istruzione della Regione Friuli Venezia Giulia
Alenka Florenin, Sindaco di Savogna
Marco Vittori, Sindaco di Sagrado
Federico Pirone, Presidente del Coordinamento regionale degli Enti Locali per la pace e i diritti umani

Igor Giacomini, Direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale del Friuli Venezia Giulia

prof. Sabrina Calvosa, Direzione Generale dello Studente del Miur
prof. Marco Mascia, Direttore Centro Diritti Umani dell’Università di Padova
Aluisi Tosolini, Coordinatore della Rete Nazionale delle scuole di Pace
Flavio Lotti, Coordinatore del Meeting di Pace

Sarà presente anche il Prefetto di Gorizia, Massimo Marchesiello.

Protagonisti del Meeting saranno gli studenti e insegnanti partecipanti che animeranno i diversi momenti della giornata.

Dalle trincee della prima guerra mondiale, un gruppo di esponenti religiosi di diverse fedi (cattolica, musulmana, ebraica e buddista) lanceranno una “Invocazione per il dono e l’impegno per la pace”. Protagonisti di questo gesto interreligioso sono:

don Pierluigi Di Piazza Presidente del Centro Balducci di Zugliano
Nader Akkad, Imam di Trieste
Ghesce Lobsang Pendhe, maestro buddista
Ariel Haddad, Rabbino di Trieste
padre Antonello Fanelli, Sacro Convento di San Francesco d’Assisi

La cantautrice Erica Boschiero accompagnerà gli studenti che hanno scritto una canzone per la pace.

Gli studenti del Liceo Musicale Carducci-Alighieri di Trieste accompagneranno i momenti più significativi della giornata con le loro note di pace.

Emilio Franzina e gli Hotel Rif presenteranno un brano della lezione di storia cantata “Ai preat la biele stele/Ho pregato la bella stella”.

Nel corso del Meeting interverranno:

Jean Fabre, esperto delle Nazioni Unite
Imma Tromba, Vice Presidente Gruppo Operatrici Antiviolenza e Progetti di Trieste
Romeo Mattioli, Presidente regionale Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi sul lavoro

Migranti dei Centri di accoglienza di Savogna e Sagrado seguiti dal Consorzio Italiano di Solidarietà e dal Centro di Accoglienza Ernesto Balducci di Zugliano (UD)

Studenti provenienti da varie parti del mondo del Collegio del Mondo Unito di Duino (TS)

Gli storici Lucio Fabi e Mitja Juren.

Il Meeting è promosso dall’Assessorato all’Istruzione della Regione Friuli Venezia Giulia in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale del Friuli Venezia Giulia, il Comune di Savogna d’Isonzo, il Comune di Sagrado d’Isonzo, il Coordinamento regionale e nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani, la Rete Nazionale delle scuole di pace, Tavola della pace, Centro di Accoglienza Ernesto Balducci di Zugliano (UD), Consorzio Italiano di Solidarietà di Trieste, Associazione culturale Benkadì, Cipsi, Cevi, Governo dei Giovani di Fiumicello.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi