In occasione della Barcolana, un ricordo poetico di Fulvio Molinari. Fu uno dei padri fondatori

Trieste – Nell’occasione della 49ª edizione della Coppa d’Autunno, desideriamo ricordare il collega Fulvio Molinari, che ci ha lasciati a maggio 2011: fu lui, assieme ad alcuni amici, a organizzare la Barcolana, diventata la regata più affollata del Mediterraneo.

Fu anche tra gli organizzatori del premio giornalistico “Marco Luchetta”. Nato a Orsera, in Istria, nel 1937, giornalista e scrittore, fu per tredici anni caporedattore della sede regionale del Friuli Venezia Giulia, inviato speciale del Tg1 nell’Europa dell’Est e nei Balcani negli anni Ottanta e Novanta.

Tra le sue pubblicazioni, l’ultima, “L’isola del mare”, la storia di un pescatore dalmata che parlava ai gabbiani.

Pubblichiamo in sua memoria uno scritto poetico in triestino del nostro collaboratore Stefano Savini.

Fulvio no xè più tra noi, el xè svolà in ciel, ma lo vedo sempre sentà su una bita che el varda, con una lagrima che scola dal’ocio, el suo grande amor per la vela che xè diventà una roba tanto granda che apartien a tuto el mondo intiero, o comunque de chi vol vinir a far festa qua de noi a Trieste.

Cossa poderia dir un che ghe piasi el vento, anzi la nostra bora nei cavei, sentir la sua forza fisciar sora la vela, obligandote a scansarla per evitar la scufiada, cossa poderia dir un che varda el mar ogni giorno da tuta una vita, cossa poderia dir un che ga messo in mar un pensier, e come la botiglia del naufrago, la xè rivada a tutto el mondo, chissà cossa el poderia pensar a veder mezo milion de persone che gira torno a barche, pronte a trovarse in acqua per far festa con vin e porsuto.

Rider, scherzar e contarse tuta l’estate pasada a velegiar prima de serar la barca in porto perchè riva el bruto tempo e bisogna spetar primavera per ricominciar a molar l’anima in mar. Ah Fulvio, el tempo tiranno te gà ciolto via dela tera prima che ti te podessi capir che roba granda te gà fato.

Ti semplice triestin con vizin amici de stessa passion, te gà portà Trieste cussì lontan dal suo porto che veder cinesi, giapponesi, australiani, americani, inglesi , francesi e russi, ne sembra una roba normale.

Te meriti una statua granda come el nostro faro e con in testa una luce, perchè tutto el mondo de mar varda verso de noi ad ottobre.

Grazie Fulvio, se disi a Trieste che con poco se fa tanto.

 

Print Friendly, PDF & Email

Condividi