Trieste Science+Fiction Festival al via per un’edizione ricca di sorprese

Trieste – Parte oggi la 17a edizione del Trieste Science +Fiction Festival che si terrà a Trieste, dal stasera 31 ottobre al 5 novembre al Teatro Miela (poco distante la stazione dei treni) al cinema Ariston e, da quest’anno, anche nella nuova prestigiosa sede del Politeama Rossetti in viale XX Settembre.

Ad aprire questa edizione sarà l’attesa anteprima di Marjorie Prime da Michael Almereyda, un film che esplora i temi della memoria, dell’identità, dell’amore e della perdita in un mondo non così lontano dal nostro, dominato dall’intelligenza artificiale, in cui è possibile riportare “in vita” una persona amata in forma olografica. Ottimi gli interpreti tra cui riconosceremo senz’altro due attori famosi ma eclissati nell’ultima decade, Tim Robbins (Mystic river) e Geena Davis (Thelma & Louise). La proiezione avrà luogo al termine della Cerimonia d’Apertura del festival prevista per le ore 20.00, presso la nuova sede del Teatro Rossetti.

A precedere la cerimonia invece un grande classico firmato da John Carpenter: alle 17.00, sempre al Rossetti, verrà proiettato Halloween (La notte delle streghe), per celebrare opportunamente la Festa pagana più attesa dell’anno.

Dalle 22.15, sempre al Rossetti, fuori concorso e in anteprima, verrà proiettata la pellicola statunitense It Stains the Sands Red di Colin Minihan, per gli amanti degli zombie movies.

Trieste SciFi Festival ospiterà quest’anno il concerto di un grande della musica jazz, Stefano Bollani, per la cerimonia di premiazione dei Méliès d’Or della EU Fantastic Film Festivals Federation in calendario il 3 novembre 2017 (Rossetti).

Il nuovo progetto “FantaBollani”, prodotto assieme agli organizzatori del Festival, è un programma inedito di film per rendere omaggio alla 21a cerimonia dei premi Golden Méliès. Un programma per rivivere la magia del cinema delle origini con pellicole quali Voyage dans la Lune (1902), Les quat cents farces du diable (1906) e Voyage à travers l’impossible (1904) del maestro Georges Méliès, e poi uno dei primissimi film italiani di fantascienza: Matrimonio interplanetario (1910) di Enrico Novelli. Tutti i film verranno presentati in versione digitale restaurata, una vera chicca per capire anche com’era il cinema prima del cinema.

Apre i battenti al Teatro Miela, la Mostra The Shadow Planet del collettivo Blasteroid Bros. The Shadow Planet. Un’esplosiva miscela di retro sci-fi, exploitation e horror firmata dal collettivo composto dallo sceneggiatore Giovanni “James” Barbieri, il disegnatore Gianluca “Johnny” Pagliarani e il colorista Alan “Junior” D’Amico. Nel progetto si mescolano i “piaceri colpevoli” dei due autori come Mario Bava, John Carpenter e H.P. Lovecraft, con l’intento di realizzare un “B-movie su carta”.

C’è ancora qualche giorno di tempo per iscriversi ai Laboratori dedicati ai ragazzi del Trieste Science+Fiction.

Sono dedicate ai ragazzi Destinazione Spazio LAB! Viaggio interstellare su razzi e astronavi: la visione di sequenze di film di fantascienza li condurrà in modo naturale alla costruzione di un loro razzo spaziale con materiali di recupero; e Destinazione Spazio! Manuale illustrato di razzi e astronavi: gli esperti del Science Centre Immaginario Scientifico daranno risposta a domande e curiosità nel corso di un incontro che verrà arricchito dalla visione e dall’analisi di alcune delle più affascinanti sequenze cinematografiche di viaggi e avventure spaziali create per il grande schermo.

Iscrizioni e prenotazioni al education@scienceplusfiction.org o education@scienceplusfiction.org. Per informazioni del  programma completo al www.sciencefictionfestival.org info@scienceplusfiction.org

La Cappella Undergrund – tel. +39 040 3220551

Daniele Benvenuti

 

Print Friendly, PDF & Email

Condividi