Al via la 18ª edizione del Trieste Science+Fiction Festival con l’astronauta Umberto Guidoni

Trieste – Parte il 30 ottobre la 18ª edizione del Trieste Science+Fiction Festival, in programma dal 30 ottobre al 4 novembre nelle due sedi ormai rodate del Teatro Miela e del cinema Ariston e, dall’anno scorso, anche nella nuova prestigiosa sede del Politeama Rossetti.

Ad aprire questa edizione, in anteprima italiana al Rossetti alle 17, sarà il film di J. Franco nelle vesti di interprete e regista, Future World, film apocalittico e con un cast stellare.

Alle 20, sempre al Rossetti, la cerimonia d’apertura ufficiale del festival con un ospite d’eccezione, l’astronauta Umberto Guidoni (primo astronauta europeo a salire a bordo della Stazione Spaziale Internazionale) che presenterà il film First Man del regista premio oscar di O. Chazelle, autore dei due splendidi e applauditissimi film: Whiplash e La La Land.

A partire dalle ore 23 lo spettacolo e la magia di questo festival si sposterà al teatro Miela, con Frankestein (del 1931) di J. Whale nella sezione dedicata alla riproduzione dei grandi classici d’epoca. Il sonoro è curato dal vivo dal gruppo rock OvO (di Stefania Pedretti e Bruno Dorella). L’omaggio del Festival per celebrare i 200 anni del famoso romanzo di Mary Shelley, un archetipo ancora giovane e spesso ripreso da numerosi artisti.

Giunto alla sua 18° edizione, il Trieste Science+Fiction Festival propone anche quest’anno anteprime mondiali, internazionali e nazionali, con tre concorsi internazionali: il Premio Asteroide, competizione internazionale per il miglior film di fantascienza di registi emergenti a livello mondiale, e i due premi Méliès d’argent della European Fantastic Film Festivals Federation per il miglior lungometraggio e cortometraggio di genere fantastico europeo. La sezione Spazio Italia ospiterà il meglio della produzione nazionale. Immancabili, infine, gli Incontri di Futurologia dedicati alla scienza e alla letteratura, in collaborazione con le principali istituzioni scientifiche, e la consegna del premio alla carriera Urania d’argento a un maestro del fantastico.

A partire dall’anno 2000 il Trieste Science+Fiction Festival ha raccolto l’eredità dello storico Festival Internazionale del Film di Fantascienza di Trieste, svoltosi dal 1963 al 1982, la prima manifestazione dedicata al cinema di genere in Italia e tra le prime in Europa.

Trieste Science+Fiction Festival è organizzato dal centro ricerche e sperimentazioni cinematografiche e audiovisive La Cappella Underground con la collaborazione e il sostegno di: MiBAC – Direzione Generale per il Cinema, Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Comune di Trieste, Università degli Studi di Trieste, Fondazione CRTrieste, Fondazione Benefica Kathleen Foreman Casali, ARPA FVG – LaREA, PromoTurismo FVG, Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia, Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste.

Trieste Science+Fiction Festival fa parte dell’AFIC – Associazione Festival Italiani di Cinema e partecipa al progetto proESOF. La manifestazione gode del patrocinio dei principali enti scientifici del territorio: AREA Science Park, ICGEB, ICTP, INAF – Osservatorio Astronomico di Trieste, IS Immaginario Scientifico – Science Centre, SISSA.

La sede principale del Trieste Science+Fiction Festival è il Politeama Rossetti. Il palazzo della Casa del Cinema, sede delle maggiori associazioni di cultura cinematografica triestine, sarà il quartier generale della manifestazione e con la collaborazione del Teatro Miela ospiterà le sezioni collaterali del festival, mentre altre iniziative e programmi speciali si svolgeranno nella sala d’essai del Cinema Ariston.

Daniele Benvenuti

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Condividi