Aveva ucciso un’anziana donna e tentato di far esplodere la sua casa: condannato a 26 anni

Trieste – Aveva ucciso un’anziana donna di 87 anni il 22 gennaio 2016: Tiziano Castellani, 45 anni, è stato condannato il 6 febbraio a 26 anni di reclusione, di cui 22 per il reato di omicidio volontario e 4 per il reato di tentativo di esplosione.

L’uomo è stato condannato in primo grado dal Tribunale di Trieste perché riconosciuto colpevole dell’omicidio della signora Nerina Zennaro Molinari, uccisa con un battitappeto nella sua abitazione di via Puccini 32 a Trieste.

Dopo l’omicidio, Castellani avrebbe chiuso l’appartamento con la donna dentro e avrebbe poi causato una fuga di gas allo scopo di fare esplodere l’alloggio e quindi cancellare le tracce dell’omicidio stesso.

Tiziano Castellani, ex rappresentante di aspirapolveri, nato a Pordenone ma domiciliato a Trieste, era tornato in libertà nell’aprile dello scorso anno, dopo due anni in carcere, in attesa di una nuova perizia incentrata sulla diffusione del gas nello stabile dopo l’omicidio.

La titolare dell’inchiesta, il pm Cristina Bacer, aveva chiesto la condanna all’ergastolo. La Corte, presieduta da Filippo Gullotta, ha riconosciuto fondata l’accusa di omicidio volontario.

Le indagini sono state condotte dalla Squadra mobile di Trieste.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi