Conclusi i restauri degli affreschi medievali nella basilica di Muggia Vecchia: la presentazione

Muggia (Ts) – I lavori di restauro che hanno interessato gli affreschi della Basilica di Santa Maria Assunta di Muggia Vecchia vengono presentati martedì 22 ottobre alle ore 17.00.

Grazie al contributo della Regione Friuli Venezia Giulia (l.r. 53/2015) è stato possibile il restauro conservativo dei preziosi dipinti medievali: un lavoro di un anno sotto la direzione dell’architetto Marcello Papa per un importo complessivo di 200mila euro.

Allo stesso tempo, su iniziativa dell’Associazione “Amici di Muggia Vecchia” e grazie al generoso intervento della Fondazione CRTrieste, è stata effettuata una manutenzione straordinaria degli arredi e delle tabelle informative del Parco archeologico risalenti al Giubileo del 2000 per un importo complessivo di 26mila euro.

I restauri sono già stati apprezzati dalle persone e dai turisti che in queste ultime settimane continuano a visitare il colle, giungendo anche a piedi o in bicicletta.

L’ultimo, parziale, restauro degli affreschi risale al 1985; con quest’ultimo intervento gli affreschi sono stati valorizzati con un attento lavoro di pulitura, consolidamento e ritocco dalle mani esperte delle restauratrici della “Opera Est” di Trieste.

Alla cerimonia di presentazione intervengono, oltre al Vescovo di Trieste S.E. Mons. Giampaolo Crepaldi, il sindaco di Muggia Laura Marzi e i rappresentati della Regione, della Soprintendenza e della Fondazione CRTrieste.

Il programma prevede l’intervento della dott.ssa Claudia Ragazzoni, restauratrice e titolare dell’impresa Opera Est, la conferenza della dott.ssa Natsuko Kuwabara sul tema: “Il ciclo della Dormitio Virginis Mariae di Muggia Vecchia: fra Oriente e Occidente” e l’intervento del dott. Edmondo Bussani, già Presidente dell’Associazione Amici di Muggia che ha promosso l’intervento di recupero di arredo esterno del Parco.

L’evento è accompagnato dalle musiche medievali eseguite dal duo “Aquilegia”: Federico Rossignoli (liuto medievale) e Teodora Tommasi (arpa gotica).

 

Print Friendly, PDF & Email

Condividi