Entra nel vivo nel weekend il Blanc European Festival, l’arte nelle latterie del Friuli

Udine – È in corso presso varie località del Friuli il Blanc European Festival, l’Arte nelle latterie del Friuli. La rassegna si protrae fino al 1° settembre prossimo con progetti e performance multi-art nella suggestiva cornice delle latterie storiche più antiche del Friuli, come Madonna dello Zucco, Illegio, Cabia, Maranzanis e Ravascletto.

Tra gli artisti il compositore e pianista svizzero-palestinese Karim Younis, il trio londinese con Valeria Pozzo, Joseph Costa e Yusuf Ahmed, l’Orchestra Giovanile Bellunese, il collettivo di danza contemporanea EnidUDanza, la fotografa Ulderica Da Pozzo, e l’attrice Giulia Pes.

Così il direttore artistico del Festival, il violoncellista Riccardo Pes: “L’idea nasce dalla protesta sarda e dai fiumi di latte riversati in quantità nelle autostrade, un gesto crudo che mi ha fatto riflettere su quale fosse il reale peso che la nostra società dà a questo settore produttivo e che rappresenta la base di tutto. Il Bianco e il Latte, sono simboli forti che richiamano purezza, valori, terra e uomini. Mettere insieme l’alimento per eccellenza con la Cultura, che nutre invece lo Spirito e la mente, è stata una sfida per lanciare un messaggio sociale”.

Il Festival ha il suo momento “clou” a Tolmezzo ed Arta Terme il weekend del 24 e 25 agosto. Si inizia sabato 24 alle ore 17.30 a Tolmezzo presso il Museo delle Arti Popolari. 

Alcuni scatti tratti dal progetto originario “Biancolatte” della fotografa Ulderica Da Pozzo accompagneranno l’inaugurazione al Museo Carnico di questa prima edizione del festival: “È tutta dedicata alle donne del latte e vive all’interno di un mia ricerca fotografica sul mondo rurale e contadino della regione” racconta l’autrice.

A seguire, sempre negli spazi del Museo, alle 18 va in scena erformance teatrale dell’attrice Giulia Pes dal titolo Carta Bianca. Una performance teatrale che è pensiero libero, un percorso alla ricerca dell’origine, del libero arbitrio, del tempo in cui l’uomo parlava ancora con Dio; quindi alle 18.30 è la volta del Collettivo di danza contemporanea, l’Atelier EnidUDANZA (ADEB, nella foto) di Erica Modotti che presenta una performance di danza contemporanea. Intermezzo con un aperitivo con gli artisti e poi alle 20.30, nella corte del museo, è previsto il concerto per pianoforte solo con il pianista e compositore londinese Karim Younis. In programma musiche originali in gran parte scritte per il cinema, vincitrici di svariati premi internazionali.

Domenica 25 agosto il Festival si sposta ad Arta Terme con inizio alle ore 17.30. Al Circolo Culturale di Cabia ci sarà la possibilità di partecipare ad un corso di yoga quindi, a seguire, andrà in scena il concerto per violoncello e pianoforte di Riccardo Pes e Maura Sciola.

Dopo l’aperitivo con gli artisti alle 19, alle 20 e 30,  nella  chiesa  di  Arta Terme, si terrà il concerto dell’Orchestra Giovanile Bellunese, diretta da Matteo Andri, e i cori Santa Maria di Lestans e Vox Nova diretti da Carla Brovedani.

Qui il programma completo:

Print Friendly, PDF & Email

Condividi