Grande D-day l’otto ottobre al Teatro Verdi di Pordenone

Pordenone – Scatta l’8 ottobre 2018 il vero D-day del Teatro Verdi di Pordenone: da lunedì, infatti, per la prima volta cambia la modalità di acquisto in prevendita e saranno in vendita i biglietti di tutti gli spettacoli dell’intera stagione sia di prosa che di musica e danza.

Appuntamento alle 16 dell’8 ottobre agli sportelli del teatro, ma c’è di più: dall’8 al 14 ottobre tutti potranno saltare la fila e collegarsi alle prevendite online abbattendo il costo del diritto di prevendita. In palio ci sono ben 17 esclusive regionali, 3 spettacoli per la prima volta in Friuli Venezia Giulia, eventi realizzati in residenza/produzione e attese prime nazionali.

Artisti come Isabella Rossellini e il “Leone d’oro” Declan Donnellan scandiranno un cartellone nel segno della personalità: perché questi spettacoli, per la maggior parte, il pubblico li troverà solo al Verdi di Pordenone.

Dopo il debutto in prima nazionale della nuova produzione dedicata a Primo Levi di Sonia Bergamasco e l’imminente inaugurazione con la lirica, il 20 ottobre, con “La Traviata” del Lirico triestino, venerdì 2 novembre – anniversario della morte di Pier Paolo Pasolini – il Teatro di Pordenone debutterà con la seconda nuova produzione (in collaborazione con la compagnia Menoventi), l’allestimento de “L’Histoire du soldat” di Stravinskij rielaborata attraverso gli appunti di Pier Paolo Pasolini, esecuzione affidata all’Ensemble Zipangu diretto da Fabio Sperandio e per la regia di Gianni Farina.

Diciassette le esclusive regionali che spaziano dalla danza di Hervé Koubi e del Tulsa Ballet, alla prosa con ospiti amatissimi dal pubblico: da Piera Degli Esposti fino ai maestri del teatro italiano come Elio de Capitani e Carlo Cerciello; unica anche la rappresentazione del “Va Pensiero” di Marco Martinelli ed Ermanna Montanari che per la tappa friulana vedrà sul palco il Coro Polifonico di Ruda, nuova collaborazione innescata dal palcoscenico del Verdi. Appuntamenti d’ascolto unici anche per alcuni imponenti titoli del repertorio sinfonico, da Dvorak eseguito dall’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna diretta da Michele Mariotti, al concerto di Prokofev eseguito dall’Orchestra della Toscana con solista il prodigioso talento del pianoforte Alexander Malofeev, fino agli organici cameristici di grande respiro della Petite Messe Solennelle di Rossini (con Michele Campanella concertatore e primo pianoforte), alla perla barocca dell’Europa galante di Fabio Biondi, fino all’omaggio a Giovan Battista Viotti della Camerata Vercelli, con una punta solistica nel recital di Emanuele Arciuli con un programma tutto americano.
Info: al www.comunalegiuseppeverdi.it/ tel. 0434 247624 – biglietteria@comunalegiuseppeverdi.it

Print Friendly, PDF & Email

Condividi