Intense piogge sul Friuli Venezia Giulia, frane e smottamenti. Resta allerta per tutta domenica

Palmanova – Intense piogge stanno interessando gran parte del Friuli Venezia Giulia. L’allerta meteo emessa il 30 marzo dalla Protezione Civile è attiva fino alle 23.55 del 1° aprile.

La situazione secondo l’OsMeR: sulla regione nelle ultime ore è passato un fronte che ha causato temporali con piogge localmente intense, accompagnate da fulmini e grandine su gran parte della pianura e zona montana, la quota neve è scesa fino a 1300 m circa e si sono osservate raffiche di vento da sud fino a 60-70 km orari sulla costa.

Nelle ultime 12 ore le precipitazioni, pioggia fino a 1300 m circa, neve alle quote superiori, sono state localmente intense ed ancora irregolarmente distribuite, con cumulati compresi fra 30 e 80 mm sulla zona montana, valori inferiori sono stati registrati sulla pianura, decisamente più scarsi sulla costa. Il vento è attualmente più attenuato, in prevalenza da sud-ovest sulla costa.

Nelle prossime ore continuerà ad essere presente sulla regione un flusso umido ed instabile da sud-sudovest e in serata è attesa la formazione di una depressione sul Golfo di Trieste, con l’arrivo in quota di aria un po’ più fredda.

Tale evoluzione sarà ancora favorevole all’instabilità, con probabili piogge sparse intermittenti, localmente ancora abbondanti e temporalesche su tutte le zone, saranno poi decisamente più moderate soltanto in serata. Sulla costa sarà possibile ancora vento moderato, a tratti sostenuto, in prevalenza da sud-ovest (30-50 km orari).

Con l’arrivo di aria più fredda in quota è atteso un abbassamento della quota neve fino a 1000 m circa, localmente fino a 800 m sulla catena carnica a confine con l’Austria e nel Tarvisiano. Dalla tarda serata probabile cessazione delle precipitazioni.

Domenica 1° aprile, nella notte, saranno possibili banchi di nebbia, specie in pianura. Nel pomeriggio ed in serata, probabili rovesci temporaleschi.

Proprio a causa delle piogge abbondanti, una frana si è staccata nella notte tra venerdì 30 e sabato 31 marzo in Carnia, sulla strada provinciale 21 in Comune di Zuglio (Ud). Il maltempo ha provocato anche la caduta di numerosi alberi a San Canzian d’Isonzo (Go).

La frana si è staccata a Zuglio intorno alle 5, con la caduta di tre o quattro massi dalla montagna lungo la Sp 21, che da Caneva e Terzo di Tolmezzo risale verso Zuglio, a una cinquantina di metri dalla Fontana delle Tre Croci. I massi, il più grande di un diametro di un metro per un metro e mezzo circa, sono già stati rimossi e la strada per il momento è rimasta aperta.

Sul posto sono all’opera i tecnici di Fvg strade e si sta monitorando la situazione per verificare se a monte nel bosco ci siano stati altri smottamenti.

L’allerta meteo in regione resta alta anche per le prossime ore: sono previste intense precipitazioni, dovute a un afflusso sostenuto di correnti molto umide e instabili, con forti raffiche di vento sul mare.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi