Aveva motori rubati nel furgone. Denunciato per ricettazione un cittadino rumeno

Trieste – La Polizia di Stato di Trieste ha denunciato in stato di libertà all’autorità giudiziaria per ricettazione un cittadino rumeno, C.T., nato nel 1989. Nel pomeriggio del 17 agosto, durante una serie di controlli alla circolazione stradale effettuati presso la barriera autostradale del Lisert, gli agenti della Squadra Volante del Commissariato di P.S. di Duino Aurisina hanno notato un furgone impegnare la pista del telepass, accodarsi al veicolo che lo precedeva ed eludere il pedaggio autostradale.

La pattuglia ha seguito il veicolo, fermandolo nella successiva vicina area di servizio Agip Duino Sud.

Mentre stavano avvicinandosi al guidatore per contestargli la violazione commessa al codice della strada, gli agenti hanno notato all’interno del furgone alcuni tubi che potevano apparire dei piedi di porco ed arnesi atti allo scasso.

Vista la presenza di tanti mezzi e persone in sosta nell’area di servizio, l’uomo, dopo essere stato identificato, è stato invitato a seguire gli agenti nei locali del Commissariato a Sistiana, dove il furgone è stato perquisito.

All’interno sono stati trovati tre motori marini, varie attrezzature per le lavorazioni stradali e una notevole quantità di cavi elettrici trifase con guaina.

Dagli accertamenti effettuati anche con le autorità di Polizia transalpine è stato appurato che le attrezzature per le lavorazioni stradali erano state sottratte a una ditta con sede a Briancon (Francia) nella notte fra il 13 e 14 agosto scorso

Il rumeno non è stato in grado di dare ulteriori spiegazioni in merito e, dopo le formalità di rito, è stato denunciato alla locale Procura della Repubblica per ricettazione e per la violazione dell’articolo 176/17 del codice della strada.

La merce rinvenuta è stata sequestrata, mentre il furgone, intestato a un cittadino ucraino, è stato sottoposto a fermo amministrativo ed è stato affidato a una ditta specializzata.

 

Print Friendly, PDF & Email

Condividi