Nel 2009 era stato colto in flagrante con un chilo di cocaina. Rintracciato ed arrestato in Colombia

Udine – Si chiude dopo nove anni il caso del cittadino di nazionalità colombiana che venne colto in flagrante a Pradamano con oltre un chilo di cocaina.

Il 1° giugno scorso infatti la polizia della Colombia ha dato esecuzione al mandato di arresto internazionale emesso nel marzo 2014 dalla Procura della Repubblica di Udine nei confronti del trafficante: si tratta di Gonzalez Vivas Edinson, 46 anni.

La pena di 7 anni, 11 mesi e 29 giorni di reclusione gli era stata inflitta a seguito di una condanna disposta dal Tribunale di Udine per reati in materia di stupefacenti, riguardante fatti avvenuti il 1° novembre 2009 a Pradamano (Ud), quando il cittadino colombiano, insieme ad un connazionale, era stato trovato in possesso di 1,021 kg di cocaina.

I due trafficanti di droga avevano tentato la fuga in automobile, ma erano stati inseguiti e fermati poco dopo. Affrontati dagli agenti, avevano opposto una decisa resistenza fisica che aveva reso l’intervento particolarmente difficile e pericoloso.

Le indagini che, ai tempi, portarono al fermo dei due sudamericani, furono svolte nell’ambito di una complessa inchiesta su una banda criminale composta in prevalenza da cittadini sudamericani, dedita allo spaccio e traffico di sostanze stupefacenti a Udine e dintorni.

A seguito del provvedimento di condanna, le lunghe e articolate indagini della Squadra Mobile della Questura di Udine, con la collaborazione della Servizio per la Cooperazione internazionale di Polizia, hanno permesso di rintracciare il condannato – che nel frattempo si era reso irreperibile – in Colombia, nella città di Buenaventura Valle del Cauca, dove dimorava e dove è stato arrestato, in esito al dispositivo della Procura di Udine, che aveva provveduto alle incombenze relative alla predisposizione del mandato di arresto internazionale. Sono in corso le procedure di estradizione, a cura del Ministero di Giustizia.

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Condividi