Presentata la XVIII edizione di pordenonelegge, festa del libro con gli autori

Pordenone – È stata presentata il 7 settembre la XVIII edizione di pordenonelegge, festa del libro con gli autori, in programma a Pordenone dal 13 al 17 settembre.

Oltre 500 autori italiani e internazionali, 313 eventi in una quarantina di location del centro storico cittadino, più di 40 anteprime editoriali, oltre un migliaio di operatori editoriali e 220 volontari. Il pubblico lo scorso anno era giunto ad oltre 150mila presenze stimate.

Il festival si conferma fra le più attese manifestazioni dell’agenda culturale italiana ed è come sempre a cura di Gian Mario Villalta (direttore artistico), Alberto Garlini e Valentina Gasparet.

Promosso da Fondazione Pordenonelegge.it, sostenuto dalla Regione autonoma Friuli Venezia Giulia con le istituzioni locali, il festival sarà inaugurato dallo scrittore spagnolo Carlos Ruiz Zafòn mercoledi’ 13 settembre al Teatro Verdi (ore 18.30).

L’autore, intervistato dal giornalista Edoardo Vigna, dialogherà del “Labirinto degli Spiriti”, l’ultima e monumentale opera, best seller internazionale, un romanzo fatto di passioni, intrighi e avventure.

Fra le anteprime editoriali di pordenonelegge 2017 spiccano quelle di autori come Luis Sepulveda, con l’autobiografico “Storie ribelli” (Guanda); David Lodge con l’altrettanto personale “Un buon momento per nascere. Memoir 1935 – 1975” (Bompiani); Lawrence Osborne che torna al romanzo con il cupo e lussureggiante “Cacciatori nel buio” (Adelphi); David Lagercrantz, che per Marsilio firma “L’uomo che inseguiva la sua ombra”, quinto capitolo della saga Millennium in uscita in contemporanea in 26 Paesi proprio giovedì 7 settembre.

Lancio internazionale anche per la nuova avventura di “Corto Maltese”, orfano del suo demiurgo Hugo Pratt. “Corto Maltese. Equatoria” (Rizzoli Lizard), in uscita nei 50 anni dalla nascita del personaggio il 14 settembre, sarà presentato dagli autori Juan Dìaz Canales e Rubén Pellejero a pordenonelegge venerdì 15 settembre (ore 19, Chiostro della Biblioteca civica), in dialogo con il cartoonist Davide Toffolo.

A pordenonelegge 2017 faranno tappa filosofi e pensatori fra i più autorevoli: novità di spicco l’arrivo al festival del filosofo del linguaggio John R. Searle, uno dei fondatori della “Pragmatica”, docente all’Università di Berkeley e noto in tutto il mondo per i suoi contributi alla filosofia sociale e della mente.

A pordenonelegge terrà una lezione sulla “realtà delle cose e realtà umana”, questione centrale del pensiero contemporaneo.

In anteprima lo svedese Thomas Hylland Eriksen presenterà il saggio ’”Fuori controllo. Antropologia del cambiamento accelerato” (Einaudi).

Ancora a pordenonelegge l’anteprima di un saggio best seller che ha fatto parlare di sé in tutta Europa: “Utopia per realisti” (Feltrinelli) dello storico olandese Rutger Bregman.

Ed è firmato dall’editor Riccardo Mazzeo, ma attinge anche a materiali inediti e lunghe conversazioni con Zygmunt Bauman, l’“Elogio della letteratura” pubblicato da Einaudi intorno alla controversa questione dei rapporti fra la letteratura e la sociologia.

Va allo scrittore nigeriano Wole Soyinka, Premio Nobel 1986 per la Letteratura, e sarà consegnato sabato 16 settembre il Premio Crédit Agricole FriulAdria “La storia in un romanzo”, riconoscimento nato dalla collaborazione fra pordenonelegge e il Premio giornalistico internazionale Marco Luchetta, su impulso di Crédit Agricole FriulAdria.

Informazioni e programma completo sul sito www.pordenonelegge.it

Print Friendly, PDF & Email

Condividi