Rugby, Polcenigo riparte dal quarto posto per costruire la squadra del futuro

Polcenigo – Va in archivio una stagione importante per il Pedemontana Livenza Polcenigo. Un’annata sportiva in cui la squadra del presidente Carlo Pellegrini ha consolidato la propria rosa e preso piena consapevolezza del proprio potenziale. Partita come outsider nel girone 3 della serie C2, la squadra allenata da Cesco Dotto e Moreno Munarin è stata in lizza fino all’ultima giornata per il terzo posto, traguardo, peraltro platonico, a cui ha dovuto rinunciare solo per la sconfitta in extremis contro lo Jesolo. Alla fine la classifica del torneo recitava: Alpago 60, Jesolo 52, Pasian di Prato 49, Polcenigo 45. Un traguardo platonico, si diceva, perché comunque il club dei “Lupi” non disponeva di tutti i requisiti federali (le formazioni giovanili richieste dal regolamento) per poter disputare i play off per la promozione in C1. Un handicap che dalla prossima stagione verrà colmato. “Questa è l’altra grande nota positiva di questa annata – spiega il presidente Pellegrini – oltre al bel campionato della prima squadra, l’ottimo lavoro svolto nel proselitismo e nel vivaio, che ci consentirà il prossimo anno di schierare una Under 14 o una Under 16 in autonomia e di essere quindi in regola con i requisiti richiesti alle società che puntano al salto di categoria”. Fondamentale si è rivelata l’opera di reclutamento condotta attraverso il neo costituito ente scolastico dell’istituto comprensivo “Jacopo di Porcia” a Porcia, nel quale l’educatore Paolo Quirini, ha lavorato con quaranta bambini, dei quali una decina sono stati già tesserati con il club di Polcenigo. “Oltre a ciò – aggiunge Pellegrini – anche l’ottimo lavoro di consolidamento svolto nel minirugby”. Il settore, che è reduce da una lusinghiera partecipazione al torneo “Città di Udine”, sarà ora impegnato l’11 e 12 maggio allo storico “Città di Treviso” (40esima edizione), al “Città di Azzano Decimo” (26 maggio) e al “Città di Codroipo (2 giugno). Nella foto: l’utility back, Matias Scaviolo

Print Friendly, PDF & Email

Condividi