“Segni”: Altamira e Geomorfosi, mostra di Mauro Paviotti e Sergio Culot

Muggia (Ts) – Giovedì 11 maggio 2017, alle ore 18, verrà inaugurata la mostra fotografica di Mauro Paviotti e Sergio Culot, “Segni”: Altamira e Geomorfosi, curatore della mostra Fabio Rinaldi,  presso gli spazi espositivi del Museo d’Arte Moderna di Muggia Ugo Carà, sito in via Roma 9.

Mauro Paviotti presenta Altamira. L’autore, affascinato dai segni lasciati dall’uomo del paleolitico superiore nelle grotte di Altamira in Spagna, va alla ricerca dei segni che l’uomo giornalmente lascia al suo passaggio. Vernici che l’uomo ha tracciato e che il tempo ha modificato. Graffi, macchie, colature che l’occhio attento del fotografo ha saputo estrapolare dal contesto, regalandoci immagini di forte impatto. Altamira è accompagnata da una presentazione a cura di Italo Zannier, personaggio di punta della fotografia italiana, già docente all’Accademia di Belle Arti di Venezia

Il lavoro di Sergio Culot invece prende il titolo di Geomorfosi in cui l’autore si cimenta in una complessa rappresentazione della terra, dove è la natura a far emergere la sua forza, dove l’uomo rimane imprigionato dalla forza degli elementi. La mostra sarà presentata dalla critica Lorella Klun

Ha esposto in numerose personali e collettive in Italia, Slovenia, Croazia e Francia. Fotografa dal 1970, prediligendo la stampa in bianco e nero.

La mostra, che si avvale dell’adesione della Casa dell’Arte di Trieste, sarà visitabile sino a domenica 4 giugno 2017 con il seguente orario: da martedì a venerdì dalle 17.00 alle 19.00, sabato dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 17.00 alle 19.00, domenica e festivi dalle 10.00 alle 12.00. Ingresso libero.

La mostra è organizzata da Photo-Imago, Centro per l’Archiviazione e la Divulgazione dell’Immagine Fotografica, e si inserisce nel programma PRACC (Progetto Arte Contemporanea Museo Carà) che l’Assessorato alla Cultura del Comune di Muggia ha varato già nel 2007 assieme alle associazioni culturali Photo-Imago, Gruppo78 e Juliet.

[Serenella Dorigo]

Print Friendly, PDF & Email

Condividi