Shel Shapiro in concerto al Teatro Miela con “Sarà una bella società”

Trieste – Il ’68 l’ha vissuto, raccontato e difeso a suon di note e parole. Per Shel Shapiro quegli anni furono un periodo splendido, perché nell’aria aleggiava profumo di speranza.
E proprio al ’68 è dedicato il concerto “Sarà una bella società”, che lo vedrà protagonista sul palco del Teatro Miela giovedì 31 maggio alle 21, in un appuntamento proposto a corollario della mostra “Prendiamo la parola – Esperienze dal ’68 in Friuli Venezia Giulia”, visitabile a ingresso libero al Magazzino delle Idee fino all’11 giugno.

Autore, arrangiatore e produttore di grandi artisti da sempre, Shel è sfuggito, per sua determinazione, a operazioni nostalgiche. Per tutta la sua carriera ha sempre lottato contro la Grande Bugia che vede gli anni ’60 soltanto come una bellissima giostra dorata: Shel nei suoi concerti ama riflettere sulle trasformazioni culturali degli anni ’60 fino ad oggi, percorso che aveva già iniziato con la preziosa collaborazione di Edmondo Berselli, politologo, opinionista e brillante scrittore, con il libro Storie, sogni e rock’n’roll, il cd Acoustic Circus e l’opera teatrale Sarà una bella società, da cui deriva il titolo del concerto.

Il concerto è organizzato dalla cooperativa Bonawentura in collaborazione con l’associazione Casa del Cinema e l’Istituto Regionale per la Storia del Movimento di Liberazione FVG. Ingresso € 15, ridotto soci Bonawentura, Alleanza 3.0 e under 26 € 12, ridotto in prevendita, fino al 25 maggio, € 12 (www.vivaticket.it).

Print Friendly, PDF & Email

Condividi