Teatro multisensoriale con i Blue Man Group per la prima volta in Italia

Trieste – Per la prima volta in Italia, arriva Blue Man Group, popolarissimo fenomeno teatrale che da 25 anni conquista le platee di tutto il mondo.

Lo spettacolo, divenuto vero e proprio emblema della cosiddetta “performance art”, debutterà in anteprima nazionale al Teatro degli Arcimboldi di Milano l’8 novembre 2017 per poi raggiungere il Politeama Rossetti di Trieste dal 22 novembre 2017, ospite del la stagione 2017-2018 Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia.

Tutte le performance Blue Man Group dirompono sui palcoscenici internazionali grazie al genio dei Blue Men, tre curiosi artisti dalla pelle blu che mescolano con ironia e sarcasmo arte, musica, teatro, poesia, divertimento, energia, tecnologia d’avanguardia e colore, tanto colore, per creare una celebrazione euforica della vita e dell’interazione tra persone.

Perché i Blue Men nei loro show combattono sempre valorosamente contro l’isolamento dell’essere umano, trasformando i teatri stessi in contenitori di gioia e luoghi di condivisione. Ne è un valido esempio la “Splash Zone”, ovvero l’area delle prime file di platea dove gli spettatori ricevono in regalo poncho impermeabili per resistere alle esplosioni di colore provenienti dal palco e, al contempo, per essere protagonisti di una vera e propria opera d’arte.

Multisensoriale e festoso, Blue Man Group in 25 anni di carriera ha conquistato oltre 35 milioni di persone di tutte le età, di ogni genere, cultura e nazionalità e ha all’attivo produzioni stabili a New York, Boston, Chicago, Las Vegas, Orlando e Berlino, senza dimenticare il World Tour che li vedrà impegnati almeno fino alla fine del 2018.

Blue Man Group, le origini

Blue Man Group nasce nella New York degli anni ottanta quando il mondo della cultura cominciava a dare sempre maggior importanza alla performance art. E’ qui che Matt Goldman, Phil Stanton e Chris Wink, tre amici freschi di college, danno vita al personaggio Blue Man, cominciando a vestirne i panni. Nell’autunno del 1991 debuttano con il loro primo show all’Astor Place Theatre (dove ancora oggi sono in scena), che ha inaugurato la popolare era dell’intrattenimento Off-Broadway. Da allora, Blue Man Group è cresciuto a dismisura trasformandosi in un collettivo di artisti e diventando emblema dello zeitgeist pop non solo americano, ma internazionale.

Chris Wink dichiara: «Quando abbiamo iniziato a creare spettacoli incentrati su questo innocente e curioso personaggio chiamato Blue Man, non avremmo mai sognato di arrivare fin qui. Siamo onorati di poter condividere il nostro spettacolo per la prima volta con il pubblico italiano».

E Phil Stanton aggiunge: «Forse perché siamo sempre stati interessati a esplorare il nostro bisogno collettivo d’interazione umana, il nostro Blue Man è riuscito e riesce ancora parlare a tante persone di tutte le età, culture, nazionalità. Crediamo che il messaggio universale di Blue Man, fatto di esuberanza e di festa euforica, in fondo, sia dentro ognuno di noi».

Print Friendly, PDF & Email

Condividi