Ultima tappa del “Viaggio nell’operetta” di Gianni Gori e Alessandro Gilleri

Trieste – Dopo Vienna, Budapest e Parigi, nei primi tre spettacoli, della serie l’ultimo percorso del Viaggio nell’Operetta guidato da Katia Ricciarelli impagina i brani più gradevoli e significativi della piccola lirica italiana, dal Paese dei campanelli a Scugnizza, dall’Acqua cheta alla Duchessa del Bal Tabarin.

“Viaggio nell’Operetta, l’Operetta e Roma”, in scena al Teatro Orazio Bobbio mercoledì 19 aprile alle 20.30, ripercorre quella fuga dalla realtà che, fra le due guerre, gli italiani hanno cercato nel teatro della leggerezza: un teatro che attingeva alle malizie del caffè-concerto, di cui Roma era ricca, della piccola ribalta, di tutto quel mondo di dive e divette che fioriva con il repertorio leggero della canzone.

Katia Ricciarelli ed il suo team evocano uno spettacolo di memorie e di belle musiche rigenerando le fortune di quell’operetta non più “in frac” ma “in maniche di camicia” e talvolta in guêpière.

È il carosello sentimentale e festoso di un genere teatrale tramontato con la seconda guerra mondiale, ma miracolosamente rigenerato dalla Rivista e soprattutto dalla “commedia musicale”, quella uscita dal laboratorio della premiata ditta Garinei&Giovannini con la musica di Modugno, Kramer, Trovajoli. E con Roma ancora magicamente sullo sfondo.

Uno spettacolo in quattro parti, quattro spettacoli per un originale viaggio europeo. Si conclude con quest’ultima rappresentazione il tour del “Viaggio nell’operetta” di Gianni Gori e Alessandro Gilleri, con la regia di Sandro Corelli, un affascinante percorso scenico nel tempo, dalla fine dell’Ottocento agli anni trenta del Novecento, cinquant’anni lungo le fortune della cosiddetta “piccola lirica” (in realtà autentico scrigno di perle e di delizie musicali) di cui è straordinaria portavoce, insieme ad Andrea Binetti e la nuova compagnia Sandro Massimini – Trieste, un’illustre protagonista della grande lirica: Katia Ricciarelli.

Informazioni su: La Contrada – Teatro Stabile di Trieste

Print Friendly, PDF & Email

Condividi