Una favola al telefono per tutti i bambini con i lettori volontari delle biblioteche del FVG

FVG – Dal 12 al 21 marzo, 24 aderenti tra biblioteche e associazioni e decine di lettori volontari, coordinati da Damatrà, sono pronti a regalare favole al telefono per condividere il piacere del racconto.

Per restare vicino alla sua bambina anche quando era lontano da casa, Gianni Rodari le telefonava ogni sera per raccontarle una storia: così ci racconta il celebre scrittore nell’incipit delle sue celebri “Favole al telefono”. E proprio al grande Rodari (nel centenario della sua nascita) si ispira l’iniziativa che nelle prossime settimane porterà la gioia dei racconti alle famiglie.

A partire da giovedì 12 marzo, tra le 10 e le 12 del mattino e tra le 19 e le 21 della sera, un’allegra e numerosissima squadra di lettori e bibliotecari coordinati da Damatrà, regala a tutte le famiglie che ne faranno richiesta una favola al telefono per i propri bambini direttamente a casa propria!

Vista la grande richiesta e la straordinaria disponibilità di bibliotecari e lettori volontari, le “Favole al telefono” continueranno fino al prossimo 28 marzo, aggiungendo ben tre giornate rispetto al calendario iniziale.

Per prenotare una Favola al telefono e riceverla a casa propria, sarà sufficiente chiamare i numeri 347 4492414 e 333 1333549, dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 17. A rispondere sarà Damatrà. Ciascuna famiglia riceverà il proprio racconto nelle giornate di giovedì 19, venerdì 20 e sabato 21 marzo, giovedì 26, venerdì 27 e sabato 28 marzo, tra le 10 e le 12 del mattino e tra le 19 e le 21 della sera.

“Se trovate occupato” – spiegano gli operatori di Damatrà “abbiate la pazienza di riprovare… Siete davvero in tantissimi a chiamare! Ce la stiamo mettendo tutta e ringraziamo di cuore tutte le persone che stanno collaborando con noi in questa avventura, senza il cui entusiasmo non sarebbe possibile raccontare ancora”.

Le favole ad oggi si sono sparse su tutto il territorio nazionale e internazionale: le telefonate stanno arrivando dal Lazio, dalle Marche, dalla Liguria, dalla Lombardia, dalla Sicilia, dalla Calabria e alcune anche dall’estero.

“Ieri – raccontano gli operatori – una zia di Monaco di Baviera ha voluto regalare una favola alla nipote e una telefonata è arrivata anche da Zurigo”.

Un segnale di grande attenzione ai più piccoli e all’unione delle famiglie, che in un momento di tanta difficoltà aiuta a rimanere in contatto nel nome della lettura. 

Una favola al telefono è un bel modo per sentirsi più vicini, soprattutto in questo momento, è un modo per condividere il piacere di leggere e la voglia di raccontare.

L’iniziativa fa parte del progetto di promozione della lettura LeggiAMO 0-18 del Friuli Venezia Giulia e si realizza in collaborazione con le biblioteche e i lettori volontari di: Carlino, Casarsa della Delizia, Cervignano del Friuli, Fagagna, Gemona del Friuli, Latisana, Moggio Udinese, Monfalcone, Pasian di Prato, Ragogna, Remanzacco, Rivignano Teor, Roveredo in Piano, San Michele al Tagliamento (VE), San Vito al Tagliamento, Sedegliano, Staranzano, Tolmezzo, Trasaghis, Trieste, Udine, Associazione Les Vilanes di Fagagna, Mediateca La Cappella Underground di Trieste e Associazione Leggere per Vivere di Trieste.

LeggiAMO 0-18, il progetto regionale di promozione della lettura della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, ha come partner il Consorzio culturale del Monfalconese, il Centro per la Salute del Bambino Onlus, Damatrà Onlus, l’AIB Associazione Italiana Biblioteche – Sezione FVG e l’Associazione Culturale Pediatri.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi