A Fontanafredda un patto fra il Comune e l’Ascom per il settore terziario

Fontanafredda (Pn) – “Dare un’anima alla città”. Questo l’obiettivo che si prefigge in tempi brevi l’amministrazione di Fontanafredda per rigenerare il tessuto urbano e quello commerciale che sta registrando, anche in quest’area, una congiuntura economica difficile.

Per mettere a punto l’idea il sindaco di Fontanafredda Michele Pegolo, unitamente all’assessore alle attività produttive e innovazione Antonio Taiariol, hanno incontrato i vertici dell’Ascom-Confcommercio provinciale: il presidente Alberto Marchiori, il direttore Massimo Giordano e il manager di Sviluppo e territorio Andrea Malacart.

Sul tavolo la richiesta di entrare, così come hanno recepito recentemente i comuni di Aviano, Porcia e Cordenons, nella compagine dell’associazione Sviluppo e Territorio per sviluppare iniziative promozionali e di valorizzazione dei centri commerciali naturali.

I rappresentanti del governo di Fontanafredda dichiarano sia «emersa un’ampia condivisione» fra Comune e Ascom sulle problematiche affrontate. «Si è ragionato assieme sulle possibili misure da adottare per sostenere il comparto del terziario che rileva una contrazione dei consumi, ma anche di come rendere attrattiva l’area urbana e i piccoli nuclei del territorio – sottolineano i delegati dell’Ascom.

Del resto il comune di Fontanafredda (12.642 gli abitanti registrati nell’ultimo censimento) vanta, per la sua valenza urbanistica e commerciale, una collaborazione con l’università Iuav di Venezia che si occupa, fra l’altro, di urbanistica e pianificazione del territorio.

Nella riunione si è fatto riferimento a eventuali iniziative di promozione e di crescita del sistema economico-commerciale, oltre allo sviluppo del territorio e all’integrazione sociale, che saranno svolte in sinergia anche con i Comuni limitrofi.

Una finalità che per il presidente dell’Ascom-Confcommercio Alberto Marchiori deve concretizzarsi con «un’attività di partenariato per usufruire di bandi regionali ed europei».

Print Friendly, PDF & Email

Condividi