A Udine i militanti della Lega urlano “Fedriga presidente”. Salvini: lasciatemi lavorare

Udine – Al grido di “Fedriga presidente” i militanti della Lega Nord hanno interrotto Matteo Salvini durante il suo comizio di ringraziamento per chi ha votato per il Carroccio.

Il leader leghista ha incontrato gli elettori in piazzale Paolo Diacono a Udine alle 19, presenti Massimiliano Fedriga ed altri esponenti del partito reduci dalla recente vittoria alle politiche del 4 marzo.

Dopo aver ribadito gli impegni della Lega Nord e promesso di andare al governo, Salvini ha fatto una “piccola parentesi” per avvertire che l’accoppiata Serracchiani-Bolzonello va sconfitta: dalla platea si sono levate urla di “abbiamo votato Lega” e “Fedriga presidente”.

Matteo Salvini ha chiesto ancora “alcune ore” ed ha aggiunto “lasciatemi lavorare”. Evidente l’impasse in cui si trova la coalizione di centrodestra dopo aver posto la candidatura di Renzo Tondo.

Sui social i commenti sono anche più pesanti e pressanti. C’è chi fa il nome della sindaca di Monfalcone Anna Cisint per la presidenza.

“Ci sono tanti comuni che andranno al voto e purtroppo non ci saranno candidati della Lega ovunque, anche se abbiamo vinto ovunque” ha puntualizzato un Salvini in difficoltà con i suoi. “Non fatemi dire quello che non sono in grado di dire”.

“Avete pazientato per tanti giorni, pazientate ancora per qualche ora” ha concluso, salutato da un applauso partito da Fedriga ma piuttosto tiepido da parte dell’uditorio.

Salvini è tornato poi sulle tematiche nazionali.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi