Continua lo sviluppo del partito paneuropeo Volt: delegati FVG partecipano all’assemblea

Trieste – La sezione triestina del partito paneuropeo Volt si è incontrata assieme a numerosi team locali, provenienti da oltre sessanta città di tutta Italia, a Torino gli scorsi 13 e 14 luglio per partecipare all’Assemblea Generale di Volt Italia che ha coinvolto quasi 200 persone.

Gli attivisti giuliani Daniele Ziegler e Andrea Furlani hanno avuto così modo di incontrare la presidente di Volt Italia Federica Vinci, i coordinatori delle diverse aree d’Italia e di molte città, i membri e i volontari provenienti da tutta Italia per definire il futuro del partito insieme.

Dalla plenaria la sezione Volt Trieste è tornata con un nuovo City lead, Daniele Ziegler. “Il mio ruolo è iniziato nel migliore dei modi – racconta Daniele – dato che la scorsa settimana ho ottenuto il mio dottorato cum laude al Politecnico di Torino”.

Dopo una votazione degli associati, si sono identificati i temi politici più sentiti: l’ambiente, il lavoro e i diritti sono ora tra le priorità dalle quali partire per sviluppare progetti territoriali. “Stiamo già organizzando eventi, attività e incontri con le diverse realtà cittadine su queste tematiche” continua Daniele.

I due ​esponenti di Volt sono tornati da Torino con tante nuove idee e rinnovata energia che hanno saputo condividere con i membri del team locale per sviluppare una campagna regionale, insieme agli altri team presenti in Regione.

L’idea alla base di Volt è quella di fare politica in modo nuovo ed inclusivo, con una prospettiva europea: come un solo popolo. Essendo un partito politico transnazionale, Volt si pone l’obiettivo di creare una visione e un sentire comuni per unire gli Europei, condividendo buone pratiche e sviluppandone di nuove. “Non vediamo l’ora di dare il nostro contributo a Trieste” conclude il nuovo City lead.

Volt è l’unico partito paneuropeo ed è presente, oltre che in Italia, anche in altri 30 stati europei con un programma unico a livello europeo.

L’idea di avere un’Europa unita, più che mai anche nella politica, è nata 2 anni fa a seguito delle vicissitudini che hanno portato alla Brexit. Andrea Venzon (Italia), Colombe Cahen-Salvador (Francia) e Damian Boeselager (Germania) sono i fondatori.

Dopo le elezioni europee, a cui Volt Italia non è riuscito a partecipare non avendo raccolto le 150mila firme necessarie, è stato Volt Germania ad esprimere il primo parlamentare europeo: Damian Boeselager (nella foto Facebook).

Boeselager ha iniziato la sua attività all’Europarlamento in sintonia con la base del partito secondo un principio di compartecipazione alle scelte, che è alla base del metodo di Volt.

Dopo un’attenta disamina, ha votato contro la nomina di Ursula von der Layden alla presidenza della Commissione europea.

Per saperne di più:

https://www.volteuropa.org/

https://www.voltitalia.org/

Daniel Boeselager è su Twitter: https://twitter.com/d_boeselager

e sul sito ufficiale dell’Europarlamento: http://www.europarl.europa.eu/meps/en/197439/DAMIAN_BOESELAGER/home

Print Friendly, PDF & Email

Condividi