Controlli straordinari di Polizia a Udine: stretta contro droga, immigrazione clandestina e delinquenza

Udine – Stretta contro la droga, l’immigrazione clandestina e la delinquenza comune: il Questore di Udine ha disposto controlli straordinari del territorio, che si sono sommati a quelli ordinari quotidianamente assicurati dalla Sezione Volanti, finalizzati al rintraccio di cittadini stranieri in posizione irregolare ed alla prevenzione ed al contrasto della criminalità diffusa e del consumo di stupefacenti.

I servizi sono stati effettuati dagli agenti della Polizia di Stato della locale Questura affiancato da quello del Reparto Prevenzione Crimine Veneto di stanza a Padova e da due unità cinofile della Guardia di Finanza.

Nel complesso, in tre giorni, sono state identificate 265 persone, controllati 60 veicoli e 7 pubblici esercizi, al titolare di uno dei quali ieri è stata sospesa la licenza di somministrazione di alimenti e bevande per 15 giorni per motivi di ordine e sicurezza pubblica, elevate 2 contravvenzioni al Codice della Strada.

Nel pomeriggio di giovedì 10 ottobre, un giovane, K.R. le sue iniziali, durante un controllo da parte di un equipaggio di una Volante, ha dato in escandescenze, opponendo un’attiva resistenza nei confronti dei poliziotti, scalciando e sputando, ed oltraggiandoli davanti ai molti presenti.

Al termine degli accertamenti è stato arrestato per resistenza a Pubblico Ufficiale, denunciato per oltraggio e segnalato amministrativamente quale assuntore di stupefacenti, perché trovato in possesso di 2 gr di hashish. In sede di convalida dell’arresto, è stata disposta nei suoi confronti la misura cautelare dell’obbligo di presentazione quotidiana alla Polizia Giudiziaria.

Verso le 21.30 di giovedì gli agenti di una Volante e quelli del Reparto Prevenzione Crimine di Padova davano man forte ad un equipaggio della Polizia Locale udinese che aveva sorpreso alla guida di un veicolo un uomo in stato di ebbrezza; con lui all’interno dell’auto gli agenti hanno identificato D.S., un pregiudicato evaso dagli arresti domiciliari, e lo hanno arrestato.

Tre invece le persone indagate in stato di libertà: un cittadino indiano per inosservanza del divieto di ritorno nel comune udinese, un cittadino marocchino per la stessa violazione e per le lesioni cagionate ad un cittadino ghanese col quale aveva litigato e che è stato a sua volta indagato per possesso ingiustificato di strumenti atti ad offendere, in quanto trovato in possesso di un coltello da cucina di 21 cm.

Nelle giornate di mercoledì e giovedì i controlli hanno riguardato soprattutto la zona limitrofa alla stazione ferroviaria e le molte aree verdi del centro, in particolare il parco “Martiri delle foibe” ed i giardini “Ricasoli”.

Venerdì 11 ottobre, alle 7 del mattino, con l’ausilio di due cani antidroga della Guardia di Finanza, gli agenti della Questura hanno svolto controlli sui tanti studenti in arrivo a Udine dalla provincia al “terminal studenti”, finalizzati a reprimere e prevenire il consumo di stupefacenti tra i più giovani.

Sono stati 12 gli autobus di linea extraurbana controllati: a bordo di uno di questi è stato indentificato un giovane trovato in possesso, all’interno del proprio zaino, tra libri ed astucci, di 2 gr di hashish, 1 gr di marijuana, cartine da fumo ed un “grinder”; il ragazzo è stato segnalato amministrativamente; all’interno di una altro pullman, sotto i sedili, è stato trovato un altro grammo circa di marijuana, abbandonato da un ignoto alla vista dei poliziotti.

I controlli straordinari proseguiranno anche nelle settimane seguenti.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi