Crédit Agricole Italia, utile netto a 55 milioni nei primi 3 mesi 2017

Pordenone – Sono stati resi noti i risultati al 31 marzo 2017 del Gruppo Bancario Crédit Agricole Italia, che prosegue nel suo percorso di crescita confermando anche nel primo trimestre 2017 le sue performance positive.

Il Gruppo Bancario Crédit Agricole Italia ha conseguito nei primi tre mesi del 2017 un risultato netto positivo pari a 55 milioni di euro (in crescita del 5% rispetto al primo trimestre 2016). Il ROE si attesta al 4,4%.

La masse intermediate del Gruppo Bancario Crédit Agricole Italia sono in crescita del 5% a/a e raggiungono a marzo 2017 quota 145 miliardi di euro, grazie alla progressione di tutte le sue componenti: impieghi verso la clientela pari a 39 miliardi (+5% a/a), raccolta diretta pari a 41 miliardi di euro (+6% a/a) e raccolta indiretta pari a 65 miliardi di euro (+5% a/a) trainata dalla crescita del risparmio gestito (+11% a/a).

Queste performance sono sostenute da un’importante attività commerciale mirata al sostegno dei privati e delle imprese e allo sviluppo del risparmio gestito.

In crescita la produzione dei mutui Casa (+17% a/a), del credito al consumo (+34% a/a) e dei collocamenti di prodotti di risparmio gestito (+28% a/a). In aumento anche i finanziamenti alle imprese (+5% a/a), con particolare attenzione ai segmenti chiave come l’Agri-Agro (nuovo erogato +58% a/a).

Nel primo trimestre 2017 acquisiti oltre 30.000 nuovi clienti grazie anche al costante sviluppo del canale on-line (18% delle nuove aperture di conto corrente rappresentate dal Conto Online) e al processo di trasformazione multicanale.

Lo scorso 2 maggio è stata aperta la prima filiale virtuale, con cui potersi connettere comodamente da casa con operatori umani e non virtuali.

I ricavi si mantengono sostanzialmente stabili (-1% a/a) a quota 411 milioni di euro, trainati dalla buona performance delle commissioni (+12% a/a). Prosegue il percorso di progressiva riduzione del costo del credito (-17% a/a).

Si conferma una limitata incidenza delle sofferenze su crediti netti, pari al 3,1% (rispetto a una media di sistema del 4,4%), con livelli di copertura in crescita (coperture sofferenze 58,7%). Prosegue anche nel primo trimestre 2017 il positivo trend di riduzione dei nuovi ingressi a deteriorato (-38% a/a).

La solidità patrimoniale si conferma su livelli adeguati, con un Common Equity Tier 1 dell’11% e un Total Capital Ratio del 13,3%. La liquidità resta su livelli soddisfacenti, con un indicatore LCR stabilmente sopra il 100%.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi