Grave fatto di sangue a Udine: arrestati due fratelli per tentato omicidio

Udine – Gli agenti di Polizia hanno identificato poche ore dopo il fatto gli autori del tentato omicidio nei confronti di un cittadino tunisino di 34 anni, avvenuto intorno alle 3 di domenica 22 luglio, nella centrale piazza San Giacomo. Si tratta di due fratelli marocchini, rispettivamente di 31 e 27 anni.

A quanto si apprende, l’uomo era stato accoltellato con nove fendenti a seguito di minacce che aveva ricevuto in un bar da uno degli attentatori. Questi aveva seguito la vittima e, raggiunto e aiutato dal fratello, l’aveva colpita al petto.

Una delle coltellate ha raggiunto l’uomo al polmone. Le condizioni della vittima sono gravi ma non sarebbe in pericolo di vita.

La Polizia, grazie ad un’accurata e immediata attività d’indagine, ha identificato gli autori del tentato omicidio nei confronti del cittadino tunisino.

In serata, gli attentatori sono stati individuati in due distinti appartamenti in città e sottoposti a fermo di polizia giudiziaria, d’intesa con la Procura della Repubblica di Udine, per tentato omicidio.

Sono stati sequestrati il vestiario indossato dai due aggressori e la possibile arma del delitto (un coltello da cucina).

I due incriminati sono attualmente rinchiusi presso la Casa Circondariale di Udine.
Proseguono le indagini per ricostruire con precisione i fatti e risalire al movente del tentato omicidio.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi