Incidenti montagna: incastrato in profonda foiba, salvato

Pordenone – E’ caduto a testa in giù in una foiba nascosta dalla neve e profonda una quindicina di metri ma, grazie agli sci che aveva ai piedi, è rimasto incastrato a circa cinque metri di profondità, restando sospeso nel vuoto ma evitando in questo modo problemi più seri.

E’ accaduto a uno sci alpinista, di 38 anni, di Longarone (Belluno) domenica 18 febbraio nell’area alpina del Pradut, nel comune di Claut (Pordenone).

L’uomo, che è scomparso improvvisamente, cadendo nella buca, è stato salvato dagli operatori del Soccorso Alpino della Valcellina.

Lo sciatore era a una quota di circa 1.600 metri durante la discesa da Forcella Baldas, percorso conosciuto e frequentato dagli sci alpinisti. Impossibilitato a muoversi e non riuscendo a soccorrerlo i compagni, è stato estratto dalla cavità carsica dai tecnici, che si sono calati con una corda, assicurando l’infortunato e riportandolo all’esterno con un sistema di paranchi.

L’uomo è stato portato al campo base dove non gli sono state riscontrati né traumi né ferite.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi