“La carta da parati Gialla”: un’opera teatrale contro la violenza sulle donne

Pordenone – In occasione delle manifestazioni legate alla Giornata contro la violenza sulle donne, che ricorre il 25 novembre, va in scena lunedì 27 novembre, nella sala conferenze del Museo Revoltella a Trieste, alle ore 17, lo spettacolo “La carta da parati gialla” .

La pièce è basata sul racconto di Charlotte Perkins Gilman, scrittrice americana dell’Ottocento, nota anche per la sua “lotta al bustino – Autrice, pittrice, scrittrice ed estremamente creativa, la Perkins Gilman si addentra nei temi più disparati relativi alla condizione femminile della sua epoca in modo ironico e tagliente, aprendo porte insondabili con il sorriso sulle labbra.

La sua vita fu straordinaria: in continuo contrasto con le regole sociali vittoriane divenne un’autorevole conferenziera e scrittrice di fama internazionale, e le sue idee sono ancora oggi oggetto di approfondimento nelle università americane.

Racconti come “La carta da parati gialla”, disarmante nella semplicità e nel ridicolo che sembra suscitare ad una prima lettura, in realtà esplora come in altri suoi scritti, il lato oscuro che si nasconde dentro ognuno di noi, ed in particolare sulla violenza psicologica esercitata dal genere maschile sulle donne, in nome delle regole sociali.

La protagonista del racconto infatti, viene esortata dal marito a non proseguire con le aspirazioni di scrittrice, in quanto poco consoni a una dama della buona società. Addirittura, le palesa il rischio di cadere in malattia, in quanto l’esercizio della scrittura, potrebbe affaticare la sua fragile mente femminile.

Nella piéce teatrale, l’attrice Clelia Delponte presta la propria voce a una storia in cui si parla dell’anelito verso la libertà dell’animo umano, tra sogni e inquietudini, caratterizzando il personaggio creato dalla penna della Gilman in una dimensione di assoluta contemporaneità, grazie anche alla visione a cavallo tra passato e presente disegnata dalla mano di regia di Silvia Lorusso Del Linz.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Condividi