Mattoncini e minifigures Lego contraffatti, maxisequestro della Guardia di Finanza

Udine – Le indagini dirette dalla Procura della Repubblica di Udine e condotte dai Finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria udinese hanno permesso di scoprire un traffico di mattoncini Lego contraffatti.

Le operazioni della Guardia di Finanza italiana sono state condotte in stretta sinergia con la società danese Lego Group, che detiene i marchi dello storico mattoncino.

Lunedì 23 ottobre i militari delle Fiamme Gialle di 25 Comandi Provinciali del Centro Nord hanno eseguito 76 perquisizioni presso tutti i punti vendita di una nota catena
commerciale e le unità locali di una società sua fornitrice, ed hanno tolto dal mercato
migliaia di giocattoli contraffatti riproducenti i personaggi della Lego.

La società importatrice aveva acquistato dalla Cina – e poi ceduto ad un noto distributore –
costruzioni fedelmente riproducenti quelle del marchio originale, contraffacendone
integralmente le minifigure, uguali agli originali anche nelle espressioni facciali, ed
imitandone le illustrazioni sulle confezioni, talmente simili a quelle originali da poter indurre in errore il consumatore finale.

Al momento sono migliaia i pezzi già sequestrati dalle Fiamme Gialle.

I cloni Lego cinesi si stanno diffondendo sempre più anche per la diffusione degli acquisti online.

Inoltre gli imitatori cinesi che prima producevano pezzi facilmente distinguibili da quelli originali, per la scarsa qualità e la fattura grezza, oggi sono diventati molto più abili, fino ad arrivare alla perfetta riproduzione non solo delle minifigures, ma di interi set.

La Guardia di Finanza, in vista del Natale, sta intensificando i controlli sui giocattoli e sugli addobbi, con particolare focus sulle importazioni dall’estremo Oriente.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi