Nuova vita per le ciclopiste del Friuli Occidentale collegate alla ferrovia Gemona-Sacile

Pordenone – È in fase conclusiva la procedura per individuare la ditta che si occuperà della sistemazione e completamento delle ciclopiste “Venezia delle nevi” e “Piancavallo – La Crosetta” nei territori montani pordenonesi dei comuni di Aviano, Budoia, Polcenigo e Caneva: un anello ciclabile formato da due percorsi concatenati attualmente in stato di abbandono.

Alla fine dei lavori le ciclopiste consentiranno una traversata di notevole interesse paesaggistico, naturalistico e agrituristico, collegata alla ferrovia Gemona-Sacile, in modo da realizzare un’offerta di turismo lento a impatto ambientale zero.

Il progetto riguarda in particolare la sistemazione della ciclopista “Venezia delle nevi”, in comune di Budoia e in minima parte in comune di Aviano, che partendo da Dardago sale fino a Casera Sauc, per una lunghezza di circa 10 km e un dislivello di circa 800 metri.

A completamento dell’opera, si effettueranno interventi minori della strada panoramica in quota “dorsale Piancavallo – La Crosetta” che raggiunge il Cansiglio in comune di Caneva, attraversando anche i comuni di Budoia e Polcenigo.

A seguito della pubblicazione dell’avviso e dell’indagine di mercato, PromoTurismoFVG ha selezionato 20 ditte in possesso dei requisiti richiesti e ha invitato queste ultime a presentare le offerte progettuali entro il 22 maggio 2018.

Agli inizi di luglio si prevede la conclusione della procedura con l’affidamento del progetto e l’avvio dei lavori.

“Stiamo lavorando proficuamente da due anni con l’amministrazione comunale di Budoia che ci ha fornito le linee ispiratrici di questo progetto per aprire una nuova prospettiva nell’ambito del cicloturismo sul Cansiglio – dichiara il direttore generale di PromoTurismoFVG Marco Tullio Petrangelo. – La strada, pensata per i cicloamatori, costituirà un nuovo tassello per l’attrattività turistica della pedemontana, poiché il percorso si snoda anche sulla Sacile-Gemona dove opera il collegamento ferroviario”.

La ditta aggiudicatrice del progetto si occuperà sulla “Venezia delle nevi” della sistemazione del sedime con disbosco, regimentazione delle acque di superficie e formazione di una pavimentazione in materiale stabilizzato (mescola ghiaie e cemento) che consentiranno il suo utilizzo ai fini cicloturistici.

Verranno inoltre effettuati importanti lavori di messa in sicurezza dei versanti e l’intervento sarà completato con la segnaletica turistica di descrizione dell’itinerario e dei punti di interesse.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi