Proiettili in una busta per un giornalista del Tgr Rai Fvg. Si era occupato di crimine organizzato

Udine – Una lettera contenente due proiettili e un ritaglio di giornale con una sua fotografia cerchiata è stata recapitata nella mattinata dell’11 aprile al giornalista del Tgr Rai Fvg Giovanni Taormina in redazione a Udine. Lo rende noto l’Assostampa Fvg.

Si tratta di “una grave intimidazione a un collega che si è sempre occupato di criminalità organizzata, da tempo presente in forze anche nel Fvg, che un tempo era considerata ‘isola felice'”.

“Al collega e alla redazione – aggiunge l’Assostampa – è subito arrivata la solidarietà da parte delle organizzazioni sindacali dei giornalisti, regionali e nazionali. Certi che Taormina ovviamente continuerà a fare il suo lavoro con la stessa serietà del passato, senza lasciarsi intimidire”.

L’intimidazione, ricorda Assostampa, arriva “due giorni dopo il fallito attentato a Floriana Bulfon”. “Questi episodi sono solo gli ultimi di una lunga escalation di intimidazioni, minacce, aggressioni verbali e fisiche ai danni di giornalisti, attacco diretto al diritto costituzionale di informare e essere informati”.

La nota di Assostampa è firmata anche da Cdr della Tgr Rai Fvg, italiana e slovena, Usigrai e Fnsi.

“Se l’impronta è quella della criminalità organizzata come appare, siamo di fronte a un salto di qualità in Friuli Venezia Giulia che impone l’immediato allerta di tutti i presidi di sicurezza, delle organizzazioni sociali, dei soggetti politici e istituzionali”.

Lo afferma la deputata del Pd ed ex governatrice regionale Debora Serracchiani, commentando le minacce ricevute da Giovanni Taormina.

Per Serracchiani “è un segnale molto pesante per le caratteristiche specifiche con cui è stata portata l’intimidazione e per il soggetto che ne è vittima: va fatta chiarezza prima possibile, anche per la sicurezza personale del giornalista minacciato. La stampa e in particolare il servizio pubblico – ha sottolineato la parlamentare – sono il primo argine che si oppone all’inquinamento del tessuto civile operato dalla criminalità organizzata”.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi