“Quartet” con Pambieri, Ponzoni, Blanc, Quattrini al Teatro Orazio Bobbio

Trieste – Al Teatro Orazio Bobbio di Trieste per la Contrada è in scena da ieri sera venerdì 8 febbraio fino al 13 febbraio “Quartet”, uno spettacolo divertente e un po’ nostalgico, con quattro rinomati attori della scena teatrale italiana: Giuseppe Pambieri, Cochi Ponzoni, Erica Blanc e Paola Quattrini.

Quattro ex cantanti lirici sono ospitati in una casa di riposo, ma l’ospizio rischia di chiudere e così improvvisamente dopo anni in pensione e di inattività nel mondo dello spettacolo organizzano un galà per raccogliere i fondi, salvare il ricovero e non dover traslocare. I loro rapporti non sono privi di tensioni, battute e scaramucce ma, di fronte alla possibilità di poter cantare di nuovo insieme, e non un testo qualunque, il più celebre quartetto di Giuseppe Verdi “Bella figlia dell’amore” del “Rigoletto”, tutto si appiana e loro riscoprono di essere ancora giovani e gloriosi come un tempo.

Una commedia sociale, per la regia di Patrick Rossi Gastaldi, che fa riflettere, e sorridere, il pubblico sulla condizione della terza età, tra passioni, ricordi e slanci tutti da scoprire in questa trasposizione italiana della sceneggiatura di Ronald Harwood, lo scrittore e commediografo inglese che ha firmato il soggetto dell’omonimo film per la regia di Dustin Hoffman, pellicola candidata al David di Donatello e al Golden Globes e che nel 2012 era tra i dieci migliori film indipendenti. Questo intreccio di amore, musica, risate e nostalgia, è un gioco teatrale e drammaturgico capace di far ridere, riflettere e commuovere ma anche una imperdibile occasione per vedere insieme quattro attori senza tempo.
Il martedì il testo è sopratitolato per non udenti.

Gli orari degli spettacoli sono sabato 9 alle ore 20:30; domenica 10 alle ore 16:30, lunedì 11 alle ore 20:30; martedì 12 alle ore 16:30; mercoledì 13 alle ore 20:30.

Parcheggio gratuito presso Coop Alleanza 3.0 in Via della Tesa (escluso il martedì).

Informazioni: 040.948471; contrada@contrada.it; www.contrada.it.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi