Regionali 2018, Sergio Bolzonello candidato ufficiale del PD alla presidenza della Regione

Udine – “Sergio Bolzonello è candidato migliore per Fvg. Facciamo squadra per vincere”: con questo messaggio su Twitter il Partito Democratico regionale annuncia la candidatura di Sergio Bolzonello a presidente della Regione alle prossime elezioni amministrative della primavera 2018.

L’assemblea regionale tenutasi nella serata di lunedì 27 novembre infatti ha confermato la candidatura dell’attuale vicepresidente.

La candidatura di Sergio Bolzonello era stata già accettata dalla Commissione congressuale, presieduta da Salvatore Spitaleri.

Erano 704 le firme di iscritti e iscritte del Pd Fvg a favore di Bolzonello, raccolte sia tra i componenti dell’Assembla regionale che sui territori. Non sono state proposte altre candidature.

La Commissione, visto il regolamento congressuale, ha ritenuto valida la proposta di candidatura e ha rimesso gli atti all’Assemblea regionale, che ha approvato all’unanimità.

Così la segretaria regionale Antonella Grim al termine dell’assemblea: “Bolzonello è pragmatico, ha esperienza politica e amministrativa, passione. I suoi valori sono quelli di un centrosinistra aperto e plurale: lui è capace di tenere insieme soggetti politici e civici grazie alla forza del programma e dando concretezza alle parole. Per questo ritengo sia il candidato migliore in questa fase politica, culturale e sociale”.

Così il neocandidato: “Il Pd ha deciso di darmi questo incarico gravoso da un lato, entusiasmante dall’altro, all’unaminità e senza divisioni e questo mi pare un dato importante, cercheremo di trovare tutti insieme le modalità di confronto con le altre forze politiche e quelli che hanno a cuore il destino di questa regione”.

“La mia candidatura – ha detto Bolzonello – è quella di un insieme di persone che hanno elaborato, all’interno del partito, una prima parte del programma che va sottoposta a una discussione ampia. Il nostro percorso non finisce qui: dobbiamo essere consapevoli che stasera siamo solo a un punto del percorso in cui mettiamo a disposizione la mia candidatura e una parte del programma, ma non dobbiamo essere chiusi alle primarie di coalizione. Le cinque parole dalle quali voglio partire sono trasparenza, serietà, responsabilità, sobrietà, sogno”.

Complesso il compito di costruire alleanze per le regionali – ha aggiunto – così come è complesso il momento storico che stiamo vivendo. Ma cercheremo di trovare tutte le soluzioni possibili, ci sarà un’ottima coalizione”.

 

Print Friendly, PDF & Email

Condividi