Strage nel castello dei nobili in Austria: uccisa la contessa friulana Margherita Cassis Faraone

Austria – Sarebbe una lite tra parenti il motivo di una vera e propria strage, avvenuta giovedì 13 dicembre a Bockfliess, nel distretto di Mistelbach, in Austria.

All’interno delle mura del castello di Bockfliess, un’antica fortificazione situata nella piazza centrale dell’omonima cittadina, si è consumata un’autentica tragedia familiare.

Allertati da alcuni abitanti del piccolo centro, che hanno udito delle esplosioni provenire dal castello, gli agenti di Polizia hanno trovato all’interno della dimora nobiliare tre corpi con ferite da arma da fuoco: il conte Johann Ulrich Goess (93 anni), la sua seconda moglie Margherita Cassis Faraone (87 anni) e il figlio minore Ernst Goess (52 anni).

Nel castello era rimasto in vita solo il figlio maggiore, conte Tono Goess (54 anni); con sé aveva un fucile da caccia, arma da cui sono stati sparati i colpi mortali. Quando gli agenti lo hanno arrestato, non ha opposto resistenza.

La strage è avvenuta durante la festa di famiglia per il 93° compleanno del conte Johann Ulrich.

Già nel passato – riporta la stampa austriaca – vi erano stati dissidi tra i parenti a proposito dell’eredità della società vitivinicola di famiglia. Per questo motivo, i rapporti tra i figli del conte Ulrich e la sua seconda moglie erano molto tesi.

Gli abitanti del villaggio, che conta solo 1.300 residenti, sono profondamente scossi: “La famiglia è sempre stata molto impegnata in opere benefiche – hanno detto. – Soprattutto per la chiesa, hanno fatto molto”.

Cordoglio anche a Terzo d’Aquileia, dove Margherita Cassis Faraone aveva una villa. La contessa era stata per  anni presidente dell’Associazione nazionale per Aquileia.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi