Tempesta Vaia: risparmi e fondi non utilizzati finanziano ulteriori 75 cantieri in 44 comuni

FVG – Sono 44 i comuni del Friuli Venezia Giulia che beneficeranno di ulteriori fondi per ripristinare strutture e infrastrutture danneggiate un anno fa dalla tempesta Vaia.

Si tratta di: Aquileia, Castelnovo Del Friuli, Cavazzo Carnico, Cercivento, Chiusaforte, Claut, Clauzetto, Enemonzo, Erto e Casso, Forgaria nel Friuli, Forni Avoltri, Forni di Sopra, Gemona del Friuli, Lauco, Meduno, Moggio Udinese, Nimis, Ovaro, Paluzza, Paularo, Polcenigo, Pontebba, Prato Carnico, Prepotto, Pulfero, Ravascletto, Raveo, Resiutta, Rigolato, San Leonardo, Sappada, Sauris, Sequals, Socchieve, Spilimbergo, Stregna, Taipana, Tarvisio, Tolmezzo, Torreano, Treppo Ligosullo, Verzegnis, Villa Santina e Vito d’Asio.

I 4 soggetti attuatori (Cafc, Cobc, Promoturismo e Uti Carnia) competenti dovranno contrattualizzare gli interventi entro il 15 dicembre 2019.

Gli ulteriori finanziamenti – si parla di circa 16 milioni di euro entro fine anno – si sono resi disponibili grazie ai ribassi d’asta sugli interventi già avviati. Saranno utilizzati per finanziare ulteriori 75 cantieri.

Lo ha annunciato nei giorni scorsi il vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia con delega alla Protezione civile, Riccardo Riccardi, sottolineando, con questo dato, l’efficacia del lavoro svolto dalla squadra di tecnici dedicata a gestire l’immensa mole di lavoro dei provvedimenti post Vaia.

“I nuovi interventi, per complessivi 15.910.950,17 euro, si aggiungono – ha aggiunto Riccardi – ai 600 cantieri avviati grazie ai 157 milioni messi a disposizione dallo Stato”.

La struttura commissariale presente presso la Protezione civile regionale ha sottoposto al dipartimento nazionale di Protezione civile questo ulteriore piano di investimenti, elaborato utilizzando appunto le somme derivanti dai ribassi d’asta dei contratti di affidamento per l’anno in corso, oltre che da quelle non utilizzate a fronte delle domande per ristoro danni ai privati e imprese.

(Nella foto di Lorenzo Cardin, i danni in val Cimoliana, una delle aree più colpite dalla tempesta Vaia)
Print Friendly, PDF & Email

Condividi