Traffico illegale di veicoli dall’Est Europa: la Finanza ha sequestrato 82 automobili

Gorizia – I Finanzieri della Compagnia di Gorizia nel corso del 2017 hanno sottoposto a sequestro amministrativo ben 82 automobili, del valore complessivo di circa 600.000 euro, immatricolate in Paesi non comunitari quali l’Albania, l’Ucraina, la Serbia, la Bosnia Erzegovina, il Montenegro, la Macedonia, la Russia, la Moldavia, di proprietà o utilizzate da cittadini extracomunitari residenti in Italia, in particolare nelle province di Ascoli Piceno, Bergamo, Bologna, Bolzano, Brescia, Caserta, Cremona, Ferrara, Firenze, Foggia, Genova, Gorizia, Grosseto, Latina, Livorno, Lucca, Macerata, Milano, Monza Brianza, Napoli, Novara, Padova, Parma, Perugia, Piacenza, Ravenna, Reggio Emilia, Rimini, Roma, Sassari, Siena, Torino, Treviso, Udine, Venezia, Vicenza, Viterbo.

I mezzi circolavano liberamente nel territorio nazionale senza aver mai richiesto la prescritta autorizzazione alla temporanea importazione dei veicoli che utilizzavano per fini privati: si tratta di soggetti residenti da anni in Italia, ma proprietari o utilizzatori di autovetture (in un caso anche un pulmino), anche di lusso e di grossa cilindrata, immatricolate in Paesi extra U.E. (come ad esempio Audi A6 TDI, Bmw X6, Mercedes E220D, ecc..).

Le automobili sono state intercettate nell’ambito dell’operazione denominata “GHOST CARS”, a seguito dell’intensificazione dei controlli svolti sui mezzi che transitano in entrata e uscita dello Stato italiano presso i valichi di confine goriziani “Sant’Andrea” e “Casa Rossa”, nonché presso i caselli autostradali di Villesse (GO), Redipuglia (GO), Doberdò del Lago (GO) e nelle principali città della provincia di Gorizia.

Ai trasgressori è stato contestato il contrabbando nell’importazione temporanea dei veicoli, come previsto dalla normativa doganale che punisce con sanzioni amministrative da due a dieci volte i diritti di confine evasi da coloro che sottraggono i veicoli extra U.E. al pagamento dei diritti doganali, prevedendo inoltre la confisca delle autovetture importate illegalmente.

I trafficanti sono incorsi nella violazione dell’art. 216 del D.P.R. 43/1973 (Testo Unico Leggi Doganali), il quale, richiamando i principi della “Convenzione doganale concernente l’importazione temporanea dei veicoli stradali privati”, prevede che i cittadini extracomunitari residenti in Paesi dell’Unione Europea e proprietari di veicoli immatricolati in Paesi non comunitari devono richiedere l’autorizzazione all’utilizzo del veicolo, prima di farne uso per fini privati nel territorio dell’Unione Europea.

I soggetti a cui sono state contestate le violazioni amministrative sono riusciti ad evadere diritti doganali, tra Iva e dazi, per circa 160.000 euro, evitando il pagamento del bollo auto e spesso anche dei pedaggi autostradali, beneficiando di prezzi vantaggiosi per le coperture assicurative e rendendosi “irreperibili” in caso di violazioni al codice della strada non contestate immediatamente.

L’attività d’indagine svolta dalla Guardia di Finanza di Gorizia, in collaborazione con il locale Ufficio delle Dogane, mira non soltanto a tutelare gli interessi erariali, ma anche i cittadini extracomunitari onesti, che, dopo essersi stabilmente trasferiti nel territorio italiano, hanno regolarmente chiesto l’autorizzazione all’importazione temporanea dei veicoli immatricolati nei Paesi extra U.E.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi