A Trieste il “Western Balkans Summit 2017”, attesi capi di Stato e ministri di 13 Paesi

Trieste – Tutto pronto per il “Western Balkans Summit 2017”. Una imponente macchina organizzativa (oltre 1.000 uomini tra le forze dell’ordine) si è messa in moto per garantire un regolare svolgimento del Vertice sui Balcani occidentali che si tiene l’11 e 12 luglio in città.

Gli ultimi dettagli sono stati messi a punto in un incontro a cui hanno partecipato il prefetto Anna Paolo Porzio, il questore Leonardo La Vigna, Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia locale e cerimoniale del ministero degli Esteri.

Il summit prevede la partecipazione di 13 Capi di Stato e di Governo di Austria, Croazia, Francia, Italia, Regno Unito, Slovenia, Albania, Bosnia Erzegovina, Fyrom, Kosovo, Montenegro e Serbia con i rispettivi ministri degli Affari esteri, dei Trasporti e dello Sviluppo economico, l’Alto rappresentante dell’Unione per gli Affari esteri e la politica di sicurezza, Federica Mogherini, il Commissario europeo per la politica di vicinato e i negoziati per l’allargamento, Johannes Hahn, il Commissario europeo ai trasporti, Violeta Bulc, nonché i vertici di Organizzazioni Internazionali e delle Banche di sviluppo.

In Prefettura si incontreranno i leader dei paesi partecipanti, mentre nel Palazzo della Regione si riuniranno i ministri degli Esteri e dei Trasporti.

Infine in Stazione Marittima avrà luogo il “Business Forum” alla presenza dei ministri dello Sviluppo economico. di Capi di Stato e di governo e i ministri di 13 paesi: Germania, Italia, Francia, Regno Unito, Austria e di tutti gli Stati dei Balcani occidentali.

Fra gli altri ci saranno i premier Gentiloni, Merkel e Macron. A margine delle iniziative ufficiali si svolgeranno il “Civil Society Forum”, con il coinvolgimento delle personalità scientifiche, dei rappresentanti di organizzazioni culturali e della società civile e lo Youth Forum, sessione dedicata ai giovani, studenti e non, che avrà luogo all’Universita’ degli studi di Trieste.

Nel pomeriggio del 12 sarà infine inaugurato alla Camera di Commercio in piazza della Borsa il Segretariato generale delle Camere di commercio dei Balcani occidentali.

Martedì 11 luglio, primo appuntamento di rilievo con il ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Angelino Alfano, che alle ore 18 terrà presso la sede della Prefettura di Trieste una conferenza stampa sulla riunione dei ministri degli Esteri, nell’ambito del Vertice dei Balcani Occidentali del giorno successivo.

Per il vertice è stato previsto un dispositivo di sicurezza che è stato studiato in modo da essere il più rispettoso possibile della vita della città, ma che tiene conto della contemporanea presenza di tante personalità italiane ed estere di così alto livello.

«L’area di massima riservatezza individuata» ha spiegato il prefetto Porzio «è quella che consente di garantire la migliore tutela ai partecipanti ma anche la minima incidenza possibile sulla vita della città. Si é lavorato per assicurare ai cittadini la fruibilità dei servizi. Naturalmente qualche disagio ci sarà, ma contenuto nel tempo e nello spazio. È stato fatto un grande sforzo per riuscire in questa attività che ha visto lavorare insieme tutte le forze di polizia di terra e di mare, capitaneria di porto, vigili del fuoco e polizia locale, che ringrazio di cuore. La questura, in particolare, che sta coordinando il complesso dispositivo.»

Le chiusure riguarderanno il giorno 12 luglio l’area di piazza dell’Unità d’Italia fino all’hotel Excelsior e una parte di Cavana, mentre alcuni divieti di sosta nelle aree interessate e sulle rive saranno operative già da martedì 11. Tutti i residenti e coloro che lavorano nelle aree interessate potranno entrare muniti di badge che sarà rilasciato dalla Questura di Trieste, previa richiesta. Gli esercizi commerciali potranno rimanere aperti, a propria discrezione.

Interdetta anche la navigazione: il traffico dei mezzi nautici sarà vietato nei bacini San Marco, San Giusto e San Giorgio, mentre saranno libere le altre direttrici verso il golfo. Soppresse le corse del Delfino verde il 12 luglio.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi