Una corale di 130 cantori dall’Europa a Trieste. Per gli 80 anni delle leggi razziali

Trieste – Sarà un coro di 130 cantori provenienti da sedici formazioni – tra italiane, francesi e inglesi – che intoneranno canti antifascisti e partigiani attingendo alle tradizioni italiane, yiddish, slovene, francesi e, in genere, di tutti i popoli che hanno subito le conseguenze delle leggi razziste.

Per questo, tra i pezzi in programma, ci sarà il Coro dei Deportati di Ravensbrück cantato in cinque lingue.

La manifestazione, organizzata dal Coro Sociale di Trieste, si articolerà in tre giornate e  si inizierà il 15 settembre per ricordare l’ottantesimo anniversario delle leggi antiebraiche volute da Mussolini e vedrà tra le tappe, proprio Piazza Unità a Trieste, il luogo dove queste leggi vennero annunciate dal Duce in persona il 18 settembre del  1938 per essere varate con Regio Decreto il successivo 17 novembre.

“Il Coro Sociale di Trieste – dicono gli stessi organizzatori – vuole popolare la città e le stesse piazze con persone e canti che ricordino la necessità di opporsi alla logica razzista di individuare nelle minoranze di qualsiasi genere il capro espiatorio per nascondere  l’incapacità della politica e dell’economia di risolvere le proprie crisi endemiche”.

Questo il motivo per cui le manifestazione sarà così organizzata:

Sabato 15 settembre

  • h. 17.30 in Piazza Sant’Antonio e, a seguire, Piazza Unità e Cavana (esibizione corale)

Domenica 16 settembre

  • h. 11.00 Risiera di San Sabba (esibizione corale).
  • h. 17.00 inaugurazione mostra collettiva “Ora e sempre: No leggi razziste” presso il Bar Libreria Knulp, Via Madonna del Mare 7°, organizzata dal DDProject a cura di Nanni Spano (esibizione corale)

Martedì 18 settembre

  • Piazza Unità. Nel corso di tutta la giornata: letture, testimonianze e installazioni a cura del Comitato Pace “Danilo Dolci”

La manifestazione internazionale è stata realizzata dal Coro Sociale di Trieste grazie alla sua partecipazione al raduno-laboratorio annuale che si tiene a Royére, un paese a sud di Limoges, dove cori di tutta Europa si riuniscono per scambiare esperienze, tradizioni e cultura democratica.

Una compagine corale così nutrita (il coro della Scala di Milano al completo comprende 100 elementi) rappresenta anche una sfida organizzativa e musicale, dato che i coristi avranno la possibilità di provare assieme soltanto due giorni prima dell’esibizione.

E a maggior ragione – dicono ancora gli organizzatori – hanno voluto creare quest’opportunità di misurarsi uniti nelle terre in cui “la discriminazione culturale, linguistica e sociale  era iniziata già dagli anni ’20 nei confronti della componente tedesca e slava della popolazione locale (slovena ma anche serba e croata) cui era stato vietato l’uso della propria lingua.

All’evento collaborano l’Associazione Culturale “Tina Modotti”, il Comitato Pace “Danilo Dolci”, l’Associazione Culturale DayDreaming Project, Knulp, Kulturni Dom Prosek Kontovel.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi