A Latisana danni del 100% sui frutteti, ma contro la cimice arriva la vespa samurai

Udine – Per fermare la strage dei raccolti causati dalla cimice asiatica che con il caldo si sta moltiplicando nelle campagne e in città arriva il primo via libera alla diffusione della vespa samurai, nemica naturale dell’insetto che sta devastando meli, peri, kiwi, ma anche peschi, ciliegi, albicocchi e piante da vivai con danni che possono arrivare fino al 70% e oltre delle produzioni.

È la Coldiretti a renderlo noto nel commentare positivamente l’approvazione del regolamento, ora alla firma del presidente della Repubblica, per l’immissione di specie e popolazioni non autoctone di organismi antagonisti di insetti alieni nel territorio italiano su richiesta delle Regioni, delle Province autonome o degli enti di gestione delle aree protette nazionali.

«Un provvedimento fortemente richiesto dalla Coldiretti a cui è necessario ora dare rapida attuazione – commenta il presidente nazionale Ettore Prandini – velocizzando la procedura in modo da consentire l’immissione in campo della vespa samurai contro la cimice asiatica già durante la campagna agricola in corso».

Soddisfazione anche da parte della Coldiretti del Friuli Venezia Giulia, che proprio in queste ore ha svolto, con il presidente Michele Pavan e il direttore regionale Danilo Merz, una visita in alcune aziende duramente colpite della Bassa friulana.

A Fiumicello, soprattutto per quel che riguarda le pesche, si contano danni fino al 40%. Ancora peggio va a Latisana, dove si arriva addirittura al 100% su mele e pere, nonostante le reti protettive e pure con la beffa di dover aggiungere alle perdite pesantissime sulle vendite anche i costi per la raccolta dei prodotti danneggiati, e quindi non vendibili, per evitare di creare problemi fitosanitari nel terreno.

«Purtroppo dobbiamo continuare a denunciare questa autentica piaga – sottolinea il presidente Pavan – che ha messo in ginocchio decine di aziende. I danni più rilevanti li subiscono i frutteti, ma parliamo di un insetto che, a seconda delle stagioni, colpisce ogni tipo di coltura, senza alcuna responsabilità degli agricoltori, penalizzati come imprenditori e come cittadini. La via d’uscita può essere auspicabilmente proprio quella dell’antagonista naturale: contiamo che non ci siano rallentamenti burocratici nell’avvio concreto delle sperimentazioni e che possano arrivare risultati almeno sul contenimento delle nascite. La nostra attenzione, pure con le sollecitazioni ripetute all’assessorato Zannier, non verrà mai meno. Nelle prossime settimane intendiamo coinvolgere anche gli europarlamentari».

L’identikit della cimice asiatica

La “cimice marmorata asiatica” arriva dalla Cina ed è particolarmente pericolosa per l’agricoltura perché prolifica con il deposito delle uova almeno due volte all’anno con 300-400 esemplari alla volta che con le punture rovinano i frutti rendendoli inutilizzabili e compromettendo seriamente parte del raccolto. La situazione – sottolinea la Coldiretti – è difficile in tutto il Nord: dal Fvg al Veneto, dalla Lombardia all’Emilia Romagna fino in Piemonte dove i fastidiosi insetti provocano vere stragi delle coltivazioni, oltre al fastidio provocato dagli sciami che si posano su porte, mura delle case e parabrezza delle auto.

La diffusione improvvisa di questi insetti che non hanno nemici naturali nel nostro paese – spiega la Coldiretti – è favorita dalle alte temperature e dalla loro polifagia, potendosi spostare su numerosi vegetali, coltivati e spontanei. La lotta in campagna per ora può avvenire attraverso protezioni fisiche come le reti a difesa delle colture.

Per contrastare la proliferazione dell’insetto alieno è dunque importante proseguire a marcia spedita con la ricerca per interventi a basso impatto ambientale, attività già avviata con importanti centri universitari, come nel caso del Piemonte dove è stato sperimentato l’utilizzo di un piccolo insetto indigeno, l’Anastatus bifasciatus, contro la cimice grazie ad un progetto promosso dalla Fondazione Crc con il Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari dell’Università di Torino e Coldiretti Cuneo.

La cimice asiatica è solo l’ultimo dei parassiti alieni che hanno invaso l’Italia con i cambiamenti climatici e la globalizzazione degli scambi commerciali: dal moscerino dagli occhi rossi (Drosophila suzukii) che colpisce ciliegie, mirtilli e uva al cinipide del castagno (Dryocosmus kuriphilus), dall’Aethina tumida, il coleottero killer delle api, al punteruolo rosso Rhynchophorus ferrugineus che fa seccare le palme, provocando all’agricoltura danni stimabili in oltre un miliardo.

(foto: Coldiretti FVG)
Print Friendly, PDF & Email

Condividi