Polizia e servizi stradali insieme per gestire il traffico estivo sulle autostrade del FVG

Palmanova – I week end estivi sono i periodi in cui la rete autostradale è più sotto pressione, perché al traffico commerciale e dei pendolari si aggiunge quello dei vacanzieri, concentrato, appunto, nei fine settimana.

Autovie Venete e CAV Concessioni Autostradali Venete S.p.A, che gestisce il Passante di Mestre, in collaborazione con la Polizia Stradale del Veneto e del Friuli Venezia Giulia, lavorano insieme per fronteggiare i flussi di traffico e le eventuali code.

Aumenta quindi il numero degli operatori su strada e nelle centrali operative e si perfeziona il coordinamento delle attività attraverso un stretto collegamento fra le centrali radio.

Un modello operativo testato già lo scorso anno e ulteriormente affinato e integrato in modo da consentire una maggiore rapidità ed efficacia: utilizzo dei by pass (reindirizzamento del traffico dalla A4 verso la A34 per chi è diretto in Slovenia e dalla A4 verso la A28/A27 per chi viaggia in direzione Venezia), quando il flusso dei veicoli è congestionato; istituzione delle uscite obbligatorie e attivazione dei percorsi alternativi nei momenti in cui i transiti aumentano in modo eccessivo; pubblicazione sui pannelli a messaggio variabile già in Austria e in Slovenia delle informazioni sulla viabilità in Italia.

Le misure sono state presentate lunedì 19 giugno a Venezia, nella sede di Cav, alla presenza dei presidenti di Cav e Autovie – Luisa Serato e Maurizio Castagna – e della Polizia Stradale Gianluca Romiti comandante del Centro Operativo Autostradale (COA), Antonio Di Gregoli Primo Dirigente Polizia Stradale Fvg  il vice questore aggiunto della Polizia di Stato , la dottoressa Maria Faloppa Primo Dirigente Polizia Stradale di Venezia.

Le misure estive della Polizia stradale prevedono: incremento delle pattuglie nelle giornate ove è atteso un traffico più intenso; impiego di pattuglie delle squadre di polizia giudiziaria, soprattutto nelle aree di servizio e di parcheggio autostradali, per il contrasto della microcriminalità ai danni dei viaggiatori; maggiore visibilità delle pattuglie della Polizia Stradale in autostrada con soste frequenti nelle aree di servizio, nelle piazzole e nei caselli; utilizzo costante delle tecnologie disponibili per l’accertamento delle violazione in materia di velocità, con l’attivazione del Tutor sulle tratte autostradali di competenza e l’intensificazione dei servizi con gli autovelox, telelaser e provida nell’area di cantiere della terza corsia; potenziamento dei servizi ad alto impatto in materia di corretto uso dei telefonini, delle cinture di sicurezza e dei sistemi di ritenuta per i bambini; aumento dei controlli con etilometri e precursori per il contrasto della guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti lungo gli itinerari di interesse turistico e verso i luoghi di ritrovo giovanili.

Allerta furti: per contrastare il fenomeno, sempre più diffuso, dei furti nelle aree di servizio, le Concessionarie, in collaborazione con Polizia stradale, hanno promosso una campagna per ricordare agli utenti di non lasciare oggetti di valore in auto: manifesti e locandine fungeranno da “alert” in tutti i punti di sosta e di distribuzione carburante.

La task force di Autovie è costituita da oltre 230 persone al lavoro sulle 24 ore fra tecnici degli impianti, operatori di sala radio, manutentori, esattori e ausiliari al traffico dotati di 25 automezzi di cui 14 furgoni; 4 pick-up attrezzati con “forche” per sollevare veicoli; 2 scooter; 1 pick-up; 2 veicoli di servizio; 2 autocarri frigo.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi