Anticipazioni per la nuova edizione de I Mille Occhi

Trieste – Sedicesima edizione del Festival internazionale del cinema e delle arti I Mille Occhi, al Cinema Teatro Miela dal 15 al 21 settembre, con l’ormai consueta anteprima a Roma.

Questa imminente edizione si prospetta la più appassionante di un festival che ha ormai consolidato i propri riconoscimenti internazionali, ultima giunge l’inclusione della prestigiosa rivista americana “MovieMaker” tra i “25 coolest international film festivals.

Un programma di tendenza, insieme d’avanguardia e di abbandono al piacere della scoperta e della visione. L’unico nemico del festival è la noia, sin troppo presente nel mainstream dell’offerta corrente e il cui antidoto sta nel superare le barriere temporali: film di tutte le epoche visti oggi per la prima volta senza paraocchi, ma con quei mille occhi che ogni spettatore possiede se li apre al cinema. E naturalmente proiezioni rigorosamente nei formati originali, in copie vintage 35mm salvo i casi di restauri digitali.

Saranno presenti grandissimi registi che esigono una giusta riscoperta: il greco Dimos Theos figura rabdomantica del miglior cinema ellenico, da Tornes a Angelopoulos; il tedesco Roger Fritz, che lavorò anche in Italia con Visconti e poi realizzò i più scatenati action-movies europei.

E, rappresentati da allievi e cultori, tre grandi sperimentatori del cinema croato: Martinac, Gotovac, Pansini, la cui opera è intrecciata, oltre ogni stupida guerra, a quella dei serbi Pavlović, Stojanović, Šijan. E una personale completa dei pochi film compiuti di Seth Holt, autore inglese di noir e thriller che è l’anello da riscoprire del grande poker di cineasti inglesi cui partecipano Hitchcock, Powell e Fisher.

I Mille Occhi amano il glamour, e dunque ne sarà ospite un’attrice di culto del cinema di genere italiano, Dagmar Lassander, attiva nell’horror e nelle commedie più piccanti.

Il cinema italiano costituirà la parte più estesa del programma, e farà scoprire l’attualità di cineasti come Poggioli, Germi, Damiani, De Santis e molti altri, i cui film saranno accompagnati da ospiti ancora da rivelare.

Sono solo alcune delle anticipazioni di un programma le cui proiezioni e i cui incontri, a ingresso libero,  si prolungheranno per sette giorni da mattina a notte. Il festival è diretto da Sergio M. Grmek Germani con la collaborazione di Cecilia Ermini, Olaf Möller, Mila Lazić, Simone Starace, Paolo Luciani, Dario Stefanoni, Gary Vanisian, Christoph Draxtra. Tutte le proiezioni e gli incontri sono a ingresso libero.

Il festival è finanziato da Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Fondazione Kathleen Foreman Casali e Fondazione CRTrieste con la main partnership di Cineteca del Friuli e CSC-Cineteca Nazionale, la quale offre gentilmente anche lo spazio al Cinema Trevi e numerose copie rare per i giorni di programmazione a Trieste. Il festival vanta inoltre la collaborazione della Cineteca di Bologna, Cineteca Italiana di Milano, Museo Nazionale del Cinema di Torino e di altri archivi e istituzioni europee

Per ulteriori informazioni del Festival: www.imilleocchi.com

Print Friendly, PDF & Email

Condividi