Arrestato pericoloso latitante: aveva rapinato col taglierino negozio di Udine

Udine – Gli agenti della Polizia Stradale di Busto Arsizio (Va), sotto la direzione della Procura della Repubblica di Udine, a seguito delle indagini della Squadra Mobile della Questura di Udine, hanno arrestato un pericoloso latitante, Salvatore La Monica, condannato a oltre 7 anni di reclusione per numerosi reati fra i quali una rapina con taglierino in un “Compro oro” di Udine.

L’operazione, svoltasi lo scorso sabato 13 luglio, era coordinata dal Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato, in collaborazione con la Polizia Stradale di Busto Arsizio, sotto la direzione della Procura della Repubblica di Udine.

L’uomo, 52 anni, di origine campane, era destinatario di un ordine di carcerazione emesso dall’Ufficio Esecuzioni della Procura.

La condanna alla pena di 7 anni e 4 mesi di reclusione era stata emessa a seguito di una serie di sentenze definitive emesse dai Tribunali di Udine e di Roma.

Il curriculum giudiziario di La Monica lo vede condannato per alcuni fatti riguardanti la presentazione di false attestazioni in atti pubblici, il fallimento di una ditta a lui riconducibile, operante nell’ambito dei servizi verso terzi e, in particolare, per una rapina, commessa a Udine, il 12 gennaio del 2017, ai danni di un “Compro oro” in via Martignacco.

L’uomo si era presentato all’esercizio commerciale fingendosi un cliente interessato all’acquisto di beni. Di seguito, minacciando l’impiegata con un taglierino, l’aveva bloccata con del nastro adesivo ed aveva sottratto dal negozio la somma di 4.500 euro ed alcuni monili in oro.

L’immediata attività investigativa compiuta dalla Squadra Mobile aveva permesso di trovare, il giorno successivo, il rapinatore in una struttura ricettiva di Lignano Sabbiadoro, procedendo alla sua denuncia alla Procura di Udine e recuperando i monili in oro e parte della somma di denaro.

La Procura di Udine, a maggio, aveva delegato all’Ufficio di Polizia udinese l’incombenza del rintraccio del La Monica, resosi nel frattempo irreperibile, al fine di dare esecuzione al provvedimento di carcerazione.

Grazie all’attività sinergica di vari uffici, coordinata dal Servizio Centrale Operativo di Roma, nell’ambito del progetto WANTED 3 (progetto nazionale finalizzato alla cattura latitanti nel territorio italiano ed in ambito internazionale), gli investigatori hanno accertato che il latitante si era “rifugiato” in Germania e che nella giornata di sabato 13 luglio sarebbe rientrato in Italia.

Gli agenti della Polizia Stradale di Busto Arsizio hanno rintracciato il latitante a bordo di un autobus di linea sulla tratta Strasburgo – Napoli, presso l’aerea di servizio di Lainate (Mi). Successivamente, l’uomo è stato associato presso la Casa Circondariale di Busto Arsizio.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Condividi