Danni della tempesta Vaia: al via rifacimento del ponte di Ovaro. Elicottero in aiuto ai rifugi

Udine – Il 16 luglio, alle ore 11, sarà posata la prima pietra per il rifacimento del ponte di San Martino ad Ovaro, distrutto dalla tempesta Vaia di fine ottobre 2018.

Sempre per far fronte alla riparazione dei danni di Vaia, undici tra rifugi e bivacchi situati in quota potranno usufruire dell’aiuto dell’elicottero della Protezione civile per il sostegno alla loro attività o per il supporto alle fasi di ristrutturazione.

Le strutture montane interessate dal supporto dell’elicottero della Protezione civile saranno: nella Val Cellina – Dolomiti friulane i rifugi Pussa e Pacherini per trasporto di rifornimenti e dotazioni mentre per il bivacco Pacherini ci sarà trasporto di materiali per la sua sistemazione strutturale; in Val Pesarina saranno aiutati il rifugio De Gasperi in caso di crisi idrica delle sorgenti in quota, mentre per la ferrata 50 ci sarà il trasporto in quota dei materiali necessari alla sua sistemazione dopo i danni subiti dal maltempo.

Nelle Alpi Giulie saranno interessati i rifugi Gilberti, Grego, Pellarini per trasporto in quota di rifornimenti e materiali per la loro manutenzione e risistemazione dopo Vaia. Per i bivacchi Suringar, Cividale, saranno trasportati in quota i materiali necessari alla loro manutenzione. Il bivacco Lomasti sarà sostituito da una struttura completamente nuova.

Lo ha annunciato il vicepresidente con delega alla Protezione civile Riccardo Riccardi confermando quanto concordato anche nel corso di un incontro con i vertici del Club Alpino pochi giorni fa.

“Il territorio montano ha fragilità che devono essere costantemente monitorate – ha dichiarato Riccardi -; è però è importante che la stessa popolazione si faccia parte in causa in un rapporto continuativo e reciproco con le istituzioni. Solo collaborando possiamo dare seguito a quella vigilanza che è anche importante vicinanza alla montagna”.

“Queste sono opere di supporto ordinario e straordinario – ha ribadito il vicepresidente Riccardi – un piccolo contributo alle attività della montagna che, nel turismo, ha una importante fonte di reddito. Alcuni interventi si sono resi necessari dopo le devastazioni della tempesta Vaia dell’ottobre scorso che ha colpito anche le strutture in quota”.

“La nostra è un’attenzione trasversale, che va dalla valle fino in quota: Vaia ha portato devastazioni che, come per i boschi, guariranno in 100 anni. In 9 mesi stiamo aprendo oltre 250 cantieri in tutte le zone colpite. Ancora una volta l’operatività delle genti del Friuli Venezia Giulia ha confermato la sua capacità di reazione” ha concluso Riccardi.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi