Arrestato in Romania un latitante albanese condannato in Italia per traffico di droga

Pordenone – La Polizia di Stato di Pordenone ha rintracciato il cittadino albanese Hajdini Arjan, 40 anni, latitante da 15 anni, condannato alla pena di 15 anni e 9 mesi per una serie di reati commessi in Italia nei primi anni 2000.

La Squadra Mobile, su impulso del Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato, nei mesi scorsi aveva avviato delle attività investigative alla ricerca dell’uomo, che nel corso dell’anno 2001 era stato indagato dalla Squadra Mobile di Pordenone per traffico internazionale di sostanze stupefacenti.

In quella circostanza, a seguito delle indagini, la Direzione Distrettuale Antimafia di Trieste aveva emesso 20 ordinanze di custodia cautelare in carcere a carico di cittadini albanesi ed italiani.

Nella stessa operazione erano stati sequestrati svariati chili di eroina in tutto il Nord Italia.

Il corriere della droga era proprio Hajdini Arjan, che aveva trasportato 22 chilogrammi di eroina. All’epoca si era dato alla fuga riuscendo a far perdere le sue tracce per ben 15 anni.

Dopo una lunga ed articolata indagine, gli agenti della “Sezione Catturandi” della Squadra Mobile di Pordenone hanno localizzato il latitante nel villaggio di Cretesti de Sus nel distretto di Vaslui (Romania) dove si nascondeva sotto falso nome.

La Procura Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Trieste ha prontamente emesso un Mandato di Arresto Europeo a carico del latitante.

La Polizia di Stato della Romania, su indicazioni dell’Interpol, nelle prime ore del mattino del 18 maggio lo ha catturato e messo a disposizione della giustizia italiana in attesa di estradizione.
Una volta in Italia il cittadino albanese dovrà scontare una pena complessiva di 15 anni e 9 mesi di carcere, somma delle pene relative a tutta una serie di reati commessi in Italia a inizio secolo.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi