Emergenza maltempo, il punto della situazione in Consiglio Regionale

Trieste – L’assessore alla protezione civile Riccardo Riccardi ha illustrato in Consiglio Regionale la situazione di emergenza creatasi domenica 28 e lunedì 29 ottobre a causa del maltempo.

Una fotografia sulla base dei dati rilevati poco prima quella delineata da Riccardi, che ha annunciato che si sarebbe recato a Palmanova, nella sede operativa della Protezione Civile, per seguire da vicino l’evoluzione della situazione monitorata dall’unità di crisi.

Giornata pesante quella di ieri – ha spiegato Riccardi – che, al di là di oggettivi disagi per l’interruzione di alcune strade, alla fine però non ha registrato fatti gravi per le persone.

Circa 400 i millimetri di acqua caduti nell’arco delle 24 ore; Prealpi carniche e Carnia le zone maggiormente colpite; il rischio idrogeologico trasformato in un rischio prevalentemente di natura idraulica; la preoccupazione per una analoga precipitazione oggi con l’arrivo nel tardo pomeriggio e in serata di forti raffiche di vento sulla costa verso la montagna – ha sintetizzato l’assessore, ricordando le esondazioni del Varma e del Cellina, l’interruzione di alcuni collegamenti stradali, la raccomandazione della chiusura delle scuole, declinata in maniera diversa dai prefetti di Udine e Pordenone, la situazione del fiume Meduna e le preoccupazioni per l’area sud di Pordenone e di Parta e Pasiano.

Per quanto riguarda il fiume Tagliamento, se le condizioni dovessero proseguire in questi termini probabilmente non dovrebbero esserci particolari criticità, e comunque è già stato attivato il servizio che determinerà l’eventuale innalzamento del ponte ferroviario – ha detto Riccardi sottolineando che l’evoluzione dipenderà dalla durata delle precipitazioni e dall’effetto determinato dalle raffiche di vento.

“Ieri per tutta la giornata siamo stati in contatto anche con il Dipartimento nazionale di Protezione civile in particolare perché altra area fragile è quella del fiume Livenza e dei collegamenti intorno a questo corso d’acqua” ha aggiunto, annunciando sopralluoghi nelle prossime ore in particolare in Carnia e nel Pordenonese.

“Ci sono oltre 450 volontari all’opera e tutte le operazioni sono state coordinate con i Vigili del Fuoco; inoltre tutte le strutture, da Anas a Friuli Venezia Giulia Strade, – ha concluso – si sono dimostrate pronte e organizzate”.

(Foto: foce del Tagliamento. Fonte: Protezione Civile Lignano)

 

Print Friendly, PDF & Email

Condividi