Intensi controlli sul territorio per prevenire reati, un arresto e 10 denunce

Pordenone – La Polizia di Stato di Pordenone il 25, 26 e 27 luglio scorsi ha effettuato dei servizi straordinari di controllo del territorio, con l’impiego di equipaggi del “Reparto Prevenzione Crimine Veneto” per il Triveneto e di equipaggi della Questura di Pordenone con la collaborazione degli equipaggi delle sezioni “Antidroga” e “Catturandi” della Squadra Mobile di Pordenone.

L’attività straordinaria di controllo del territorio, che si è aggiunta a quella assicurata dalle pattuglie della “Squadra Volante”, è stata messa in atto dalla Polizia per prevenire e contrastare lo spaccio di sostanze stupefacenti nelle aeree verdi e nelle zone urbane a rischio del capoluogo, l’immigrazione clandestina ed i reati contro il patrimonio, con particolare riferimento ai furti in abitazione ed in danno delle attività commerciali.

Nel corso della missione sono state controllate complessivamente 78 persone di cui 6 stranieri, 21 autoveicoli e svariati pubblici esercizi.

Durante i controlli è stato arrestato S.M., 50 anni, di Fontanafredda. La “Sezione Catturandi” della “Squadra Mobile” ha procedutto all’arresto in esecuzione dell’ordine di carcerazione emesso dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Trieste dovendo espiare la pena detentiva di 2 anni di reclusione per il reato di ricettazione in concorso.

Sono state denunciate 10 persone di diverse nazionalità:  F.Z. marocchino di 27 anni denunciato per non aver ottemperato all’ordine del Questore di Reggio Calabria di abbandonare il territorio dello Stato;  F.M.A.M. camerunense, di 31 anni, denunciato per non aver ottemperato all’ordine del Questore di Udine di abbandonare il territorio dello Stato; B.S., albanese di 30 anni, denunciato per rifiuto di indicazione sulla propria identità personale;  P.V., 26 anni, di Napoli, denunciato per truffa in concorso con S.G.C., rumeno di 44 anni, denunciato egualmente per truffa in concorso; A.S. pakistano di 35 anni denunciato per soggiorno ed ingresso illegale nello Stato; H.S. serbo di 32 anni denunciato per soggiorno ed ingresso illegale nello Stato;  H.M. serba di 31 anni denunciata per soggiorno ed ingresso illegale nello Stato;   S.P. kossovaro di 30 anni denunciato per minacce;  Y.S. marocchino di 32 anni denunciato per violenza, minacce, resistenza a P.U. e ubriachezza.

Infine  O.A. di 21 anni, di San Vito al Tagliamento, è stato denunciato per guida in stato di ebbrezza alcoolica.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi